Full Moon – Canto d’Amore n°3 – Arina Tanemura

Buon giorno a tutti!

^_______^

E si continua ancora con questa piccola maratona shoujo di una delle serie più lette e amate del passato, a tratti malinconici e a momenti delicati e felici questo shoujo è opera della maestra Arina Tanemura, probabilmente quella che l’ha resa celebre e l’ha portata sotto i riflettori nel mondo dei manga. Full Moon non è solo una storia di magia dove la protagonista si trasforma in una idol dalla testa ai piedi ma ben presto, nel leggerla, ci rendiamo conto che sotto si nascondono temi ben più importanti e pieni di spessore, tra la vita e la morte Mitsuki canta e non può farne a meno, perché è tutto ciò che ha, è più di una passione, è la sua stessa ragione di esistere. Mitsuki quando diventa Full Moon non è solo una sedicenne ma è fonte di sentimenti, è come una sorgente che non smette di far sgorgare il fiume di parole che scorre in lei. Assieme a Takuto e a Meroko – due messaggeri della morte – la nostra Mitsuki sta iniziando a entrare sempre maggiormente anche nel loro mondo e a scoprire che non è poi così tanto diverso dal suo.

Dopo aver fatto la conoscenza di Izumi e di Jonathan, adesso si staglia con grande sorpresa davanti a lei la ricomparsa del suo medico che l’ha in cura, il dottor Wakaoji! Riuscirà a nascondergli la sua vera identità messa a repentaglio? Scopriamolo assieme! 🙂

Mitsuki non si perde d’animo e decide di partecipare comunque al provino che le permetterebbe di diventare una idol. A quel punto Takuto prende a cuore la situazione, e decide persino di aiutarla nell’intento: con i suoi poteri la trasforma in una sedicenne, e così facendo la libera temporaneamente dal suo male, donandole un’ottima salute. Grazie al suo aiuto, Mitsuki supera brillantemente il provino di idol, e viene lanciata quasi istantaneamente nel mondo musicale. Per fare questo, deve prendere la drastica decisione di abbandonare la casa dove vive con la nonna, che le impedisce in tutti i modi di inseguire il successo. Di Arina Tanemura.

Fonte:  Planet Manga

Come era prevedibile, il dottor Wakaoji ha dei sospetti su Full Moon, infatti, pensa che si tratti invece proprio di Mitsuki, la piccola paziente di cui si sta prendendo cura come medico dato che la ragazzina soffre di un sarcoma alla gola, difatti, c’è la possibilità che si operasse non sarebbe più in grado di poter cantare ed è ciò che Mitsuki non vuole che accada mai e poi mai! Ma vi starete chiedendo: che c’entra il dottor Wakaoji? Perché si è intromesso adesso nella storia? Beh, veniamo a sapere che in passato faceva parte di un gruppo musicale molto famoso, i Route L, con altri due membri di cui uno era anche il padre di Mitsuki. Adesso ha deciso di prendersi una pausa come medico e occuparsi della produzione dei brani musicali di Full Moon! Inoltre, dopo poco, rimasti soli Wakaoji parte subito all’attacco e comincia a dire a Full Moon che erano tutti preoccupati, che in realtà è Mitsuki, che l’ha capito subito che fosse proprio lei e che di certo non avrebbe mollato il suo sogno di diventare una cantante e poi l’abbraccia forte con lo stupore di Takuto. Full Moon rimane sconvolta ma non cede alle pressioni dell’uomo e difatti appena riesce a ritrovare la voce non perde tempo a mettere in chiaro le cose: il dottore ha preso un abbaglio e l’ha confusa con colei che sta chiamando Mitsuki! Gli augura quindi di poterla ritrovare presto. A casa i messaggeri discutono assieme e iniziano a pensare di voler rintracciare a tutti i costi Eichi perché potrebbe essere il solo in grado di poter impedire la morte di Mitsuki anche se l’ultima volta che l’ha visto risale a nove anni fa e questo andrebbe contro la predizione. Il giorno seguente Wakaoji chiede scusa a Full Moon per come si è comportato, dicendo che ha creduto che fosse Mitsuki perché assomiglia moltissimo a sua madre e a tal proposito scopriamo che quest’ultima gli è stata molto vicina e l’ha sempre supportato tuttavia era la fidanzata del suo amico nonché leader, Aoi, quindi non poteva mai potergliela soffiare ma per lei prova anche dei sentimenti sinceri. Takuto nel frattempo ha preso una decisione chiara e forte, si metterà sulle tracce di Eichi e lo fa chiedendo direttamente a Wakaoji se ne sa qualcosa ma quando lo vede … lo riconosce! Lo chiama proprio con il suo nome e quindi siamo davanti ad una verità: Wakaoji conosceva Takuto quando questo era in vita! Ma allora …? La risposta ce la da Oshige, la manager di Full Moon, Takuto Kira faceva parte dei Route L, anzi, era il vocalist principale! Quindi il terzetto ora è al completo con Aoi – il padre di Mitsuki, Wakaoji – il dottore – e Takuto – il suo messaggero di morte – ma quanto è piccolo il mondo?! XD LOL Aveva solo 12 anni quando debuttò con i Route L e Aoi gli fece un po’ da padre dato che era anche un orfano. Quando i genitori di Mitsuki sono morti in un incidente il gruppo sciolse, Wakaoji decise di diventare un medico e Takuto invece intraprese la carriera da solista, certo, ebbe abbastanza successo ma non quanto lo ebbero i Route L. Poi successe che si ammalò, ebbe un tumore maligno alle corde vocali e questo lo gettò in depressione. Fu salvato da Wakaoji che eseguì l’intervento togliendogliele ma Takuto vistosi privato della sua unica ragione di vita, la musica e il canto, tutto ciò che aveva di più caro, commise il suicidio gettandosi dal tetto dell’ospedale. Nel frattempo vediamo Takuto che sta scappando via ma alcuni ricordi confusi cominciano a tornargli in mente e nel dolore all’improvviso una mano gli si sbiadisce, come se non bastasse, il suo potere diminuisce e la copertura di Full Moon salta in aria tanto che ritorna Mitsuki proprio davanti alla sua manager Oshige! Meroko fa appena in tempo a cancellarle la memoria e a farle perdere i sensi però dopo se la prende tantissimo con Mitsuki, dicendo che è colpa sua se Takuto diventerà un fantasma arrivando perfino a darle uno schiaffo in pieno volto! Ma ciò non toglie che Mitsuki e Meroko decidono assieme di andarlo a recuperare e dimostrargli quanto provano affetto nei suoi confronti. Inoltre, Mitsuki consola Meroko, tutte le volte che gli ha detto “ti amo” sicuramente l’ha salvato in qualche maniera! Se qualcuno ci dice che ci vuole bene allora fa sempre meno male tutto, non è così? Quando lo raggiungono Mitsuki fa una confessione: vuole che Takuto prenda la sua anima così non diventerà un fantasma! E dopo poco sviene. Meroko gli fa ancora presente che lo ama tantissimo e che gli starà sempre vicino ma ovviamente, non può e non vuole prendere la vita di Mitsuki! Poco dopo viene fermata e consolata da Izumi il quale l’abbraccia. Takuto sta vegliando su Mitsuki e intanto ripensa al primo loro incontro. L’aveva vista e conosciuta all’orfanotrofio dove Wakaoji l’aveva accompagnato per mostrargli la figlia di Aoi, la sua unica e preziosa figlia che non ha potuto crescere per via dell’incidente stradale e finisce per pensare che per tutto questo tempo non è affatto cambiata. Una volta riportata a casa ancora incosciente Takuto e compagni si mettono alla ricerca di qualche traccia di Eichi, se Mitsuki vuole tanto incontrarlo, perché glielo devono probire anche se questo significa che impedirà la sua prematura morte? Meroko pochi istanti dopo trova una sua foto e Takuto all’improvviso si ricorda di una cosa! Lo ha già visto! Era stato il suo primo incarico, c’era stato un incidente, un aereo era caduto e tante anime stavano volando via, doveva prendere la sua ma il fantasma di Eichi glielo aveva negato dicendogli che apparteneva solo ad una ragazza che avrebbe tanto voluto rivedere. Ed ora? Come si metteranno le cose? Come possono dire a Mitsuki che Eichi è morto? Quanto ancora dovranno vederla soffrire? Intanto Mitsuki continua a fare sempre lo stesso sogno nel quale appena riesce a toccare Eichi questo scompare tra mille petali di fiori di ciliegio e una volta sveglia la tristezza si abbatte su di lei, gli manca tremendamente. Lo aveva conosciuto all’orfanotrofio ed era stato il suo primo caro e vero amico che trovò, subito instaurarono un forte legame tanto che Eichi si prese sempre molto cura di lei. Poi, una sera, le si confessò ma Mitsuki che all’improvviso aveva capito che Eichi non la vedeva come una sorella minore non riuscì bene a capire cosa volesse dire e cosa in verità provasse veramente nei suoi confronti anche perché era troppo imbarazzata. Il giorno dopo seppe del suo trasferimento negli States e all’aeroporto quando si salutarono non riuscì a dargli nessuna risposta, solo quando ormai fu partito il suo volo la piccola si rese conto che quello che portava dentro il suo cuore non era altro che amore nei suoi confronti e attese trepidante una sua telefonata di arrivo che però non avvenne mai perché in TV Mitsuki vide il suo nome tra le vittime del crollo dell’aereo diretto proprio negli USA. Mitsuki l’ha sempre saputo, ha sempre portato Eichi dentro di sé nonostante ormai non sia più presente sulla terra e adesso è pronta a incontrarlo ancora … perché non ha paura di morire sapendo che lui la sta di certo aspettando.

Alla fine di questo terzo volumetto vediamo due sidestory, una del loro primo incontro all’orfanotrofio dal punto di vista di Eichi e l’altro invece riguarda Meroko, quando faceva parte del duo Milmake con Izumi e di come finì, poi, per diventare la partner di Takuto.

E che dire di questo terzo numero? Sono a dir poco allibita dallo sviluppo del manga, direi che Arina Tanemura ha avuto proprio ragione quando ha detto che con l’arrivo del dottor Wakaoji la storia avrebbe subito un’impennata! E difatti, come volevasi dimostrare ne abbiamo viste di ogni! La cosa che mi più mi ha colpito è che Takuto e Mitsuki hanno moltissimo in comune, anzi, sembra quasi come se la storia si stesse per ripetere … Entrambi orfani, amanti della musica, non vivono senza altro, malati di tumore alla gola. Adesso un po’ capisco perché Takuto alla fine abbia finito per prendersi cura di Mitsuki, evidentemente, senza volerlo, nel suo inconscio qualcosa è scattato e l’ha fatto avvicinare tantissimo al suo fianco. La sua storia infatti è davvero strappalacrime, non nascondo il fatto che ci sono rimasta di un male assurdo, deve aver sofferto un casino … Ma poi, chi si aspettava invece che Mitsuki sapesse che Eichi fosse morto? Questo è un dettaglio che praticamente non ne abbiamo neanche il minimo sentore, quindi in realtà, possiamo adesso comprendere che quando sorrideva dicendo che avrebbe tanto voluto vedere Eichi invece stava soffrendo un sacco? Quanti sorrisi hanno coperto e offuscato i suoi veri sentimenti? Mitsuki, che finora ci è sembrata così attaccata alla vita, adesso ci viene mostrata per la prima volta sicura di sé, senza paura, conscia di quel che vorrebbe dire raggiungerlo. Ovviamente la cosa è quasi disturbante, passare da un lato all’altro, intendo. Sembra quasi come se Mitsuki stesse quasi aspettando che arrivi la sua ora … :sigh: T_____T Certo che non essere riuscita a dirgli veramente quello che provava nei suoi confronti deve ancora farla sentire male, Eichi semplicemente è volato via come un angelo. E questo è probabilmente il rimpianto più grande che Mitsuki si porta addosso. Quindi, quando Mitsuki ha detto che vorrebbe la sua voce arrivasse a Eichi … intendeva in realtà non negli USA ma in Paradiso? :sigh: Di certo, questo volume ha pressoché detto quasi tutto e mi chiedo che altro c’è da scoprire adesso. Una cosa è sicura: il passato di Takuto e la verità dietro il gruppo Route L ormai lo sappiamo così come il rapporto tra Eichi e Mitsuki … Mi sento come se troppe cose si affollino nella mia testa. Ma poi, dico, tutte queste cose sono allucinanti se lette di seguito! La Tanemura con un colpo di scena dietro l’altro non lascia nemmeno un attimo di respiro al lettore tanto lo trascina nella vicenda passando da un punto all’altro. Sinceramente è stato un volume che messo al confronto con i primi due segna indiscutibilmente una svolta a pieno carico! Oooh, come dire? Le cose si fanno sempre più interessanti! 😀 Non è vero? Cos’altro ci aspetta prossimamente? ^_____^

Ci si vede al prossimo appuntamento sempre qui con me e sempre in compagnia di Full Moon – Canto d’Amore! Riuscite a sentire la dolce melodia che sta cantando?Lasciatevi trasportare dai vostri sentimenti e seguite con me il sogno di Mitsuki! 😀

Informazioni su Juliet

Sono una ragazza di 25 anni che sta crescendo giorno dopo giorno a pane, shoujo e fantasia e che va pazza anche per il kpop. Il mio Blog è il nascondiglio che più preferisco dove poter dare sfogo alle cose che mi piacciono e a tutto ciò che succede nella mia vita. ♥
Questa voce è stata pubblicata in ѕнσυנσ e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...