Full Moon – Canto d’Amore n°1 – Arina Tanemura

Buon giorno a tutti!

^_____^

Siamo arrivati a marzo, ci stiamo avvicinando sempre di più alla primavera, le giornate ormai si stanno lentamente allungando e il sole è sempre più presente nei nostri cieli. Direi che questo clima tiepido è davvero perfetto per iniziare una nuova maratona shoujo! *^* Dove, ovviamente, l’amore ne è il vero e proprio protagonista! Stavolta, percorreremo le vicende di una ragazzina di dodici anni (sì, è davvero molto giovane!) affetta da un male pressoché quasi incurabile ma grazie a due strani personaggi la sua vita, scopriremo, cambierà totalmente e in modo del tutto inaspettato. Cosa ci attende in questa mini serie? Sicuramente tanta magia, scenette spassose ma anche momenti difficili dove trattenere le lacrime non è affatto ammesso! 😉 Se ancora non avete capito, stiamo parlando di Full Moon Canto d’Amore, opera d’esordio di Arina Tanemura nel nostro Paese. Full Moon non è altro che uno pseudonimo che usa Mitsuki, la nostra piccola protagonista, per definire l’altra parte sedicenne di se stessa … Ah, vedrete che capirete meglio leggendo e inoltrandovi con me in questa prima tappa! Ma in tutto ciò la nostra Mitsuki deve far fronte ad una spada di Damocle che le pende sulla testa, pare, infatti che il suo futuro sia davvero molto incerto, non le rimane molto da vivere eppure ha un grande sogno che vorrebbe si realizzasse: poter cantare e far arrivare la sua voce alla persona che più ama, al suo amico d’infanzia Eichi! Il desiderio di Mitsuki la spinge a dare il massimo e a metterci tutta se stessa ma sarà abbastanza? Ce la farà a incontrare ancora il suo primo amore? 🙂

Arina Tanemura è qui! Dopo le vostre richieste, le vostre petizioni e le vostre lettere minatorie, abbiamo infine deciso di accontentarvi pubblicando questa già celebre miniserie in sette numeri originariamente uscita nel 2002/04. In caso non conosciate questo gioiellino shojo, vi riveliamo che racconta la storia di Mitsuki, una dodicenne con un grande sogno: diventare una cantante famosa. Il primo problema è che Mitsuki ha un male apparentemente incurabile e il secondo… che per partecipare all’audizione per giovani idol sono necessari almeno 15 anni. Fine della storia? Nemmeno per sogno: questo è solo l’inizio. Perché la nostra protagonista riceverà un inaspettato aiuto da una fonte ancora più inaspettata.

Fonte: Planet Manga

Mitsuki Koyama è una ragazzina di soli dodici anni eppure anche se così molto giovane deve far fronte ad un sarcoma, un tumore maligno, che le ha colpito la gola e sembra quasi un destino nefasto dato che ama cantare, lo fa spessissimo nella casa ove vive quasi come se fosse segregata per volere di sua nonna materna che forse, oserei dire, si prende davvero troppo cura della sua nipotina tanto da arrivare a costringerla a liberarsi di questa passione. Mitsuki però non ci sta per niente! Per lei il canto è tutto ciò che ha e per tale motivo si è iscritta ad un concorso canoro per diventare una idol, passando addirittura la fase preliminare! Il dottor Wakaoji, il medico incaricato di controllare la sua salute non perde occasione per cercare di convincerla a farsi operare ma Mitsuki sa che, se finirebbe sotto i ferri, perderebbe la cosa più preziosa che ha: la sua voce. Infatti le verrebbero tolte le corde vocali ma opponendosi all’intervento rischierebbe ancora di più, la sua stessa vita! Mitsuki non ha paura della morte, è disposta ad affrontarla quando arriverà il momento, tutto ciò che le preme è far sì che diventi una cantante fatta e finita per far giungere il suo calore e il suo affetto ad Eichi Sakurai. Eichi non è altri che il suo prezioso amico, la persona che più le è stata vicina quando ha passato un periodo della sua infanzia all’orfanotrofio. Eichi e Mitsuki prima di separarsi si erano fatti una promessa: quando si sarebbero incontrati sarebbero stati molto vicini al diventare ciò che volevano, per il primo, un astronauta e per la seconda, una cantante affermata, appunto. Per restare fedele alle loro parole Mitsuki si è sempre portata dentro di sé il ricordo di Eichi, anche se vive negli Stati Uniti, dopo che è stato adottato, e dal giorno in cui si separarono, non si sono mai più visti ne tenuti in contatto. La ragazzina quindi è convinta che se riuscisse davvero a far sì che la sua voce giri il mondo forse Eichi potrebbe riconoscerla e si rivedrebbero di nuovo! Ma prima di quello c’è un punto importante: Mitsuki non ha l’età per partecipare al concorso, dovrebbe avere almeno quindici anni e ovviamente il permesso da parte di sua nonna! Ma la madre di sua madre non glielo permette perché odia il fatto che la figlia sia morta dando alla luce Mitsuki, figlia a sua volta di un cantante famoso. Il rancore nei confronti del padre della sua nipote e il dispiacere nel non essere stata in grado di proteggere sua figlia hanno fatto sì che iperproteggesse Mitsuki e cercasse di recidere la sua vena musicale. Difatti quando Mitsuki prova a chiederle il permesso si vede solo davanti un muro indistruttibile e quando, per l’ennesima volta, viene confinata in camera sua la ragazzina si trova in una situazione disperata! Avrebbe davvero bisogno di una mano! Vorrebbe uscire da questa gabbia, spiegare le ali, presentarsi al concorso e cercare di realizzare il suo desiderio! Ma finché si trova confinata tra le quattro pareti di casa ciò non diventerà mai realtà. Tuttavia, proprio per magia, all’improvviso, sbucano due personaggi davvero strani che non appena incrociano i suoi occhi si rendono conto che la ragazzina è capace di vederli! Sono due messaggeri di morte, due shinigami in altre parole, venuti a impedire che la sua anima venga salvata. Si chiamano Takuto Kira e Meroko Yui e sono due messaggeri provenienti dal reparto pediatrico ecco spiegato il motivo per il quale il primo ha due orecchie da gatto e la seconda da coniglietta e assieme formano la coppia “Negi Ramen“. Tuttavia, chissà come, si fanno scappare di vista Mitsuki la quale ne approfitta per fuggire via dalla villa dove abita. Tra una corsa ed un’altra alla fine Takuto acconsente di realizzare il suo desiderio e la trasforma in una sedicenne, in questa maniera, è in grado di prendere parte al concorso proprio come voleva facendo indispettire Meroko che non è per niente favorevole a questa cosa dato il suo compagno sta infrangendo le regole. E quando Mitsuki arriva al luogo fissato dopo un attimo di smarrimento dovuto alle altre concorrenti riesce a cantare a pieni polmoni e mettendoci tutta la sua voce cosa che, nelle condizioni reali non ne sarebbe in grado, anzi rischierebbe grosso. La sua voce incanta i giudici e anche lo stesso Takuto che aveva preso le sembianze di uno di questi, così, Mitsuki si ritrova vincitrice! Ad ogni modo deve fare i conti con un pensiero che le ha messo addosso Madoka Kawamatsu, una sua rivale, ovvero quello di essere stata scelta solo per il suo aspetto e non per le due doti vocali, altrimenti sicuramente, non sarebbe andata molto lontana. Questo chiodo fisso però non le impedisce di firmare subito con la Seed Records e Mitsuki entra a far parte della scuderia dei nuovi talenti. Comunque, quando Takuto scopre che la ragazzina vuole cantare per poter un giorno incontrare di nuovo il suo primo amore, Eichi, lo reputa un motivo futile ed inutile a sua detta finendo per prendersela molto e si infuria ma poi, riflettendoci, finisce per scusarsi proprio quando Mitsuki (che nel frattempo ha scelto come nome d’arte lo pseudonimo di Full Moon) sta facendo il suo debutto davanti ai curiosi. Infatti farà conoscere il suo primo singolo, “Angel” al pubblico e ciò le porta come regalo un mucchio di cartoline e di lettere dei fans e la ragazza finisce per rassicurarsi: è diventata una cantante per la sua bravura proprio come le ha detto la sua manager! Nel frattempo però Mitsuki viene a sapere che anche Takuto, in passato, cantava e quando chiede a Meroko che tipo di canzoni era abituato a esprimere con la sua voce scatena solo la sua furia e viene rimproverata anche dallo stesso Takuto. In pratica, il messaggero di morte non deve assolutamente sforzarsi di ricordare il suo passato quindi chi era e cosa faceva prima di aver compiuto l’atto del suicidio perché la sua anima finirebbe per vagare sulla terra come fantasma e difatti le ali che ha addosso sono solo delle repliche, sono finte, in altre parole. Un giorno però, sua nonna, decide di prendere una decisione drastica per far sì che Mitsuki getti la spugna sulla questione del canto e della musica e la fa rinchiudere sotto chiave in una stanza al buio. A lei invece questo da solo la conferma di un passo importante da voler compiere: non può abbandonare la sua passione e visto che è alle strette non le rimane altro che andarsene da casa. Finisce con il soffiare nel fischietto che Takuto le ha donato che fa sì che lui la senta e accorra ogni qualvolta abbia bisogno del suo aiuto e quando quest’ultimo sopraggiunge, Mitsuki, felice di aver ritrovato il suo “amichetto del bosco” gli confessa di volergli molto bene per poi collassare per aver sforzato la sua voce dato aveva finito per canticchiare intanto che lo aspettava. Takuto nel sentirle sussurrare il nome di Eichi, si scopre di non sopportarlo per nessuna ragione, la guarda e poi la bacia sulla bocca. Takuto le ha fatto solo la respirazione bocca a bocca perché Mitsuki stava per morire per insufficienza respiratoria e la trasforma subito dopo in sedicenne, in Full Moon. A questo punto la ragazza conscia della sua decisione scappa di casa ma prima di questo nel vedersi davanti sua nonna che si era accorta della sua sparizione finisce per donarle il suo CD e trovandosi però come risposta il fatto di odiare la musica perché questa le ha portato via la sua persona più cara, sua figlia, la madre di Mitsuki. Al risveglio Mitsuki si ritrova al sicuro in un faro, ha passato qui la notte in compagnia di Takuto il quale adesso sta cantando davanti al mare, sulla spiaggia, esprimendo la sua voce e ciò che aveva dentro il cuore. Mitsuki è quasi attratta dal suo modo di cantare, non se lo aspettava proprio, ma sa che vuole molto bene a Takuto per essere diventato importante anche se al primo posto ci sarà sempre Eichi, questo è poco ma sicuro. E mentre i due sono intenti a pizzicarsi a vicenda e a farsi i dispetti in modo amichevole ecco che incontrano Madoka e il suo maialino domestico Gucchan la quale la porta a casa sua vedendo come sia bagnata fradicia dopo che è entrata in acqua per uno scherzo di Takuto nei suoi confronti. Qui Mitsuki scopre che Madoka non è altro che una ragazza davvero in gamba e scopre un lato di lei che non aveva visto inoltre, spera un giorno, che possano diventare amiche anche se attualmente sono due rivali. Devono infatti partecipare ad una competizione: ci sono due profumi con altrettante due fragranze, una, è Only Rose e viene assegnata a Madoka e l’altra è True Ocean, di cui se ne occuperà Full Moon. Ognuna devono scrivere una canzone che esprimano il concetto del profumo che stanno pubblicizzando per la catena di shampoo Pure. Le due cominciano a lavorarci su e a Mitsuki – che ora ha un appartamento tutto per sé datole grazie al suo lavoro – viene in mente l’idea della sirenetta di Andersen. Quindi in poco tempo le parole le vengono fuori e si ritrova con un bel pezzo da presentare che riprende fedelmente i sentimenti e la tristezza della sirenetta che ha finito per trasformarsi in schiuma pur di non tradire l’amore che provava per il principe anche se quest’ultimo alla fine aveva sposato un’altra. Il giorno delle prove per l’incisione della canzone, tuttavia, Madoka si sente sotto pressione, non è riuscita a scrivere un testo che abbia abbastanza impatto e le voci che girano sul fatto di volere come testimonial una ragazza al naturale e con un aspetto fresco e semplice le si ritorce contro perché per inseguire il suo sogno di diventare una cantante ha dovuto sottoporsi a diversi interventi di chirurgia estetica pur di rendersi carina e appetibile. E’ frustata, non è colpa sua se il pubblico impone certi canoni di bellezza per sfondare, vuole assolutamente vincere contro Full Moon, ad ogni costo! E poi, improvvisamente, mentre Madoka è in sala registrazione Takuto fa notare a Full Moon un dettaglio a dir poco importante! Il testo che la ragazza sta cantando … è proprio quello che ha scritto lei, parola per parola! Ed ora? Che si fa? Senza ombra di dubbio, Madoka è entrata in possesso della canzone scritta da Full Moon ma … come? In che maniera? Chi è stato a compiere un tale gesto scortese nei suoi confronti? Ebbene, Meroko ha deciso di fare la sua mossa: ha chiamato un individuo sconosciuto per far sì che l’aiuti nella sua missione ma pare che le cose non stiano andando nella maniera in cui aveva sperato. Per lei è sempre difficile relazionarsi con questo messaggero di morte che non perde tempo a stuzzicarla e a farsi beffe del suo imbarazzo e del suo amore a senso unico nei riguardi di Takuto. Pare proprio che voglia frapporsi tra Mitsuki e il suo sogno! E chi è costui? Riuscirà davvero ad averla vinta? E cosa farà Mitsuki adesso che non ha nessun testo in mano da poter cantare? La sua breve carriera finirà qui?

Ed eccoci alla fine di questa prima tappa di Full Moon … Finalmente è arrivato il suo momento! Oh, sì! *^* Era da un sacco di tempo che non vedevo l’ora di incontrare nuovamente Mitsuki e il suo alter ego Full Moon! Proprio così! Vidi, tempo addietro, l’anime ma era rimasto incompiuto, tuttavia, le puntate mi erano piaciute così tanto e le canzoni, poi, erano davvero carinissime e orecchiabili! ❤ E mi ero anche innamorata di Takuto! XD Insomma, c’era stato un periodo in cui ero proprio in fissa con Full Moon wo Sagashite! *o* E fu da allora che tentai di recuperare la serie manga ma nella mia fumetteria a quel tempo non avevano tutti i numeri e per me sette volumi erano anche troppi, sì, ero una poveraccia! LOL Comunque, l’idea di leggere il manga cartaceo mi ha accompagnato per tutti questi anni e quando sono stata in grado di recuperarlo, non molti mesi fa, grazie ad una ragazza che mi ha venduto la serie tramite scambio a mano devo dire che sono stata davvero al settimo cielo! Lei se ne era liberata perché non le piaceva più io invece non vedevo l’ora di metterci le mani sopra! Full Moon segna il ritorno di Arina Tanemura almeno per quanto mi riguarda dopo aver completato la maratona di The Gentlemen’s Alliance Cross! ^_____^ Devo dire che questo primo numero è stato molto ma molto carico di cose, un numero che inizia mettendo molta carne sul fuoco fin dalle prime pagine tuttavia la cosa che mi piace di più è che Mitsuki non è una ragazzina che si piange addosso, tutt’altro! Ha sempre il sorriso sulle labbra nonostante la sua precaria situazione di salute e tra le pagine traspare proprio il suo voler a tutti i costi cantare, per Eichi! Il suo primo amore, partito per gli Stati Uniti dopo che è stato adottato da una coppia e, anche se sono passati vari anni, il suo cuore non l’ha affatto dimenticato, anzi, tutto ciò che sta affrontando lo sta vivendo come il percorso da compiere se vuole arrivare fino a lui. Ammiro Mitsuki e la sua voglia incredibile di vivere dando sempre tutta se stessa. Ciononostante si capisce fin dall’inizio che la strada da percorrere non è tutta spianata ma dovrà vedersela con diversi ostacoli che le si presenteranno. In fondo, per conquistare ciò che si vuole non basta solo volerlo, bisogna agire e non tirarsi mai indietro e difatti Mitsuki ha un carattere non solo solare ma anche deciso. Finora l’ho trovata non solo molto infantile – e ciò va bene data la sua età – ma anche bisognosa di amici, di persone che vedano in lei il suo animo puro, quanto è disposta a sopportare pur di andare avanti, gente che la apprezzi per quello che è in grado di fare, per il suo canto, per la sua lealtà ma soprattutto per l’amore nei confronti della musica, parte radicata ormai in lei. Difatti Mitsuki cade spesso in brutti giochetti, non pensa mai male di nessuno, neanche di Madoka, la sua rivale, anzi, finisce addirittura per desiderare che diventi sua amica e tramite ciò possiamo capire quanto si senta sola. La ragazzina ha vissuto praticamente protetta dentro una campana di vetro da sua nonna che non le consente di uscire di casa per coronare il suo sogno ma Mitsuki è una bambina che vuole uscire, fare esperienze, vivere come tutte le sue coetanee e anche se non vuole far arrabbiare sua nonna perché le vuole bene finisce per contraddirla e scappa di casa proprio perché sente dentro un qualcosa di più grande addirittura di lei stessa, un qualcosa che deve colmare, che deve assolutamente raggiungere! Il suo sogno di diventare una cantante e così poter incontrarsi con Eichi è più forte di ogni altra cosa, supera addirittura la sua salute cagionevole. Ma grazie all’aiuto di Takuto che finisce per affezionarsi a Mitsuki, e a far contrariare la sua partner Meroko, Mitsuki vedrà luce in Full Moon, nella figura della luna che era tanta cara a Eichi, infatti, deve il suo soprannome proprio a lui. Scegliendo questo nomignolo Mitsuki ringrazia Eichi. Takuto invece sentendo sempre parlare di Eichi da Mitsuki e considerandolo invece un ragazzo facile che ha semplicemente dimenticato la sua amica ed ora magari se la sta spassando per conto suo crede che la ragazzina stia solo perdendo tempo, un conto è cantare per regalare emozioni agli altri ed un altro, invece, secondo lui, è per cercare un ragazzo che probabilmente se finora non l’ha contattata è perché non gliene importa più nulla di lei. Sinceramente, quando sono arrivata a questa parte non me la sono presa più di tanto, penso che sia stato inevitabile che uscisse fuori questo argomento quindi l’ho trovato molto naturale e logico. Tuttavia, Takuto travolto dall’allegria di Mitsuki finisce per provare dei sentimenti verso di lei, o almeno qualcosa che ci si avvicina notevolmente, prima dice che non gli importa nulla se le capiterà qualcosa di brutto e poi quando questa si ritrova quasi in fin di vita non esita a salvarla baciandola e facendola trasformare subito nella se stessa sedicenne. Inoltre, il carattere aperto della ragazzina riesce a riscaldarlo e Takuto si sente dire che è gentile, che è un suo amico, che gli vuole bene … Insomma, finisce per prendersi cura di Mitsuki fino a che non arriverà l’ora della sua morte, tra un anno esatto. Meroko, invece, l’ho trovata adorabile proprio come nell’anime, prova nei confronti di Takuto un amore a dismisura, continua a confessargli il suo amore anche se lui finisce sempre per non ascoltarla o comunque a non dare molto peso alle sue parole ma nonostante questo si vede che si preoccupa. Meroko non vede di buon occhio lo strano legame che si è creato tra Takuto e Mitsuki e non può fare a meno di sentirsi gelosa, di volerli staccare, di cercare di far ragionare il suo compagno ricordandogli la loro missione e per un certo punto assume un ruolo quasi marginale, secondario, non la si vede spesso tuttavia poi ricompare chiamando dalla sua parte un nuovo personaggio con il quale sembra averci avuto a che fare in passato. La messaggera di morte che è in grado di trasformarsi in una coniglietta di pezza ha un carattere invece piuttosto volubile, è come una eterna ragazzina innamorata che arrossisce quando vede la persona che ama, che farebbe di tutto pur di fargli rivolgere gli occhi ai suoi ma ha anche una parte di sé pratica e determinata, è sempre lei che ricorda a Mitsuki di non fare domande sulla vita passata di Takuto ed è sempre Meroko che prende in mano la situazione. Mi piace Meroko perché anche se fa la parte dell’innamorata appiccicosa agisce per il bene in cui crede, quindi, come dire, non si lascia trascinare ma prende le redini della storia in un certo senso. Difatti è proprio lei a chiamare aiuto e l’arrivo di questo nuovo personaggio porta subito scompiglio, non si sa ancora bene dove voglia andare a parare ma dietro quel sorriso affabile e quello sguardo tagliante si nasconde un altro messaggero di morte tutto da conoscere! Al suo fianco non manca il suo compagno, un fantasmino, dagli occhi a mezzaluna rovesciata e un ghigno particolare in volto. Questa nuova coppia adesso è intenzionata a far tornare su i suoi passi Takuto e a impedire che Mitsuki raggiunga il suo obiettivo. Ma ovviamente, questo è solo l’inizio della storia e tanti avvenimenti ci aspettano proprio dietro l’angolo! Sono curiosa di scoprire come andrà a finire questa serie! *______*

Prima di lasciarvi vi saluto con una foto e una citazione di questo primo volume direttamente dal mio profilo IG che mi sono piaciute particolarmente. 😉

Ci si vede al prossimo appuntamento sempre qui con me e sempre in compagnia di Full Moon – Canto d’Amore! Riuscite a sentire la dolce melodia che sta cantando? Lasciatevi trasportare dai vostri sentimenti e seguite con me il sogno di Mitsuki! 😀

Informazioni su Juliet

Sono una ragazza di 25 anni che sta crescendo giorno dopo giorno a pane, shoujo e fantasia e che va pazza anche per il kpop. Il mio Blog è il nascondiglio che più preferisco dove poter dare sfogo alle cose che mi piacciono e a tutto ciò che succede nella mia vita. ♥
Questa voce è stata pubblicata in ѕнσυנσ e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Full Moon – Canto d’Amore n°1 – Arina Tanemura

  1. Pingback: Full Moon – Canto d’Amore n°2 – Arina Tanemura | Pane, Shoujo e Fantasia ~ ✿

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...