Orange n°4 e n°5 – Ichigo Takano

Buon giorno!

^______^

Non posso più aspettare oltre per finire questa meravigliosa e commovente maratona shoujo di Orange, anche perché, giusto ieri mi sono goduta il live action! Che dire in due parole? Molto fedele, le differenze però ci sono e se siete fan dell’opera di certo anche voi le avrete notate, ma resta pur sempre un’esplosione di emozioni! Di per sé, ho trovato un po’ la narrazione lenta ma se non fosse stato per questo di certo non avremmo visto gli eventi che durano per tutti questi cinque volumi del manga quindi in sostanza ci sta che sia uscito in questa maniera, forse, ci sono rimasta leggermente male per alcuni riadattamenti che hanno concordato ma tutto sommato sono soddisfatta della visione, quindi, si merita senza alcun dubbio un mio parere positivo a proposito. Comunque dopo la visione del film ero rimasta leggermente persa su alcuni dettagli che ricordavo in maniera diversa e per questo motivo stamattina ho riletto con calma gli ultimi due numeri e difatti … Ne approfitto quindi per raccontarvi l’epilogo in questo maxi post che comprende le ultime due tappe! *_____*

Prima di andare avanti e di vedere come finirà questa storia vi metto qui ancora una volta il riassunto di come eravamo rimasti, giusto per rinfrescarci un po’ le idee! 🙂

Naho Takamiya nella primavera dei suoi sedici anni riceve una strana lettera, piano piano, scopre che gli eventi narrati tra quelle righe non corrispondono altro che a quanto le sta accadendo ma soprattutto, chi le comunica tutto ciò non è altri che lei stessa dal futuro! L’obiettivo principale che la Naho di ventisei anni ha in mente è quello di rimediare agli sbagli che ha compiuto in passato cercando soprattutto di non avere più quei rimpianti che strada facendo ha collezionato uno dopo l’altro … Ma non è tutto! In gioco c’è un’alta posta, la vita del suo coetaneo Kakeru Naruse, un ragazzo che si trasferisce nella sua stessa classe e con il quale la timida Naho inizierà ad avvicinarsi sempre di più a lui. Kakeru infatti morirà in una situazione poco chiara e lascerà nelle vite dei cinque ragazzi un vuoto incolmabile che neanche il tempo può farci niente. Naho cercherà di fare del suo meglio come può anche se non è facile come possa sembrare ma stando affianco a Kakeru scoprirà quanto tiene alla sua presenza e quanto ne è innamorata ma quando tutto sembra andare per il meglio improvvisamente qualcosa inizia ad incrinarsi … fortunatamente sembra proprio che non solo Suwa ma anche gli altri abbiano ricevuto delle lettere da parte di loro stessi dal futuro! Naho non riesce a crederci, ora ha tutti i suoi amici al suo fianco che l’aiuteranno nella più difficile missione che abbia mai avuto: salvare Kakeru, assolutamente!

Se invece desiderate scoprire altri dettagli e saperne di più vi rimando allora QUI!

Ed ora senza farvi attendere oltre inoltriamoci finalmente negli ultimi due volumi di questa serie che ha conquistato milioni di cuori e che anche qui in Italia si è distinto per la fragilità della vicenda, per la delicatezza e per il modo in cui è stata trattata la storia, con un vortice di emozioni e di sensazioni che coinvolgono dapprima la nostra Naho ma soprattutto il tormentato e insicuro Kakeru, un ragazzo che a seguito di un tragico evento si vede cambiare la sua intera esistenza … E, inevitabilmente sarà lui stesso a porre fine alla sua lasciando i suoi amici con il rimpianto più grande di non essere riusciti a fare nulla quando ancora era tra loro … Orange è una storia che tocca le corde del cuore e le fa vibrare dove si mescolano paure, ansie, gioie ma anche la speranza, quella che non muore mai anche quando sembra andare tutto per il peggio, alla fine, una luce in fondo a quel tunnel c’è e ci sarà sempre per ognuno di noi. Basta solo volerlo con tutti noi stessi! Non si è mai soli e non si è mai abbandonati se c’è qualcuno che a distanza di tempo ci ricorda ancora …

Buona lettura corsa! 😉

004

Naho scopre che non solo Suwa ha ricevuto una lettera da parte di se stesso dal futuro ma persino Azu, Taka e Hagita! Dopo un attimo di smarrimento iniziale però anche gli altri le danno man forte ma prima si scusano con lei per non aver saputo aiutarla nei momenti in cui era stata in difficoltà e perché un po’ perché non potevano credere a questa intera storia e un po’ perché non avevano letto la lettera in tempo hanno finito per non supportarla adeguatamente ma Naho non sembra preoccupata per questo, anzi, ora che ha trovato degli alleati si sente molto meno insicura. Poi, parlando a proposito di loro due convincono e rassicurano Naho, è l’unica che possa salvare Kakeru perché quando gli è accanto o gli rivolge la parola il ragazzo sorride in un modo diverso rispetto a quando lo fa con gli altri e anche un “buongiorno” può significare tanto se detto dalla persona che ci piace, parola di Suwa! Così quando Naho gli augura una buona giornata anche se glielo aveva già detto prima finisce per far ridere Kakeru. Il sorriso del ragazzo è una di quelle cose che Naho vuole preservare per sempre, vuole che sia sempre così, semplicemente se stesso e felice. Intanto arriva anche il compleanno di Azu e dato nella sua lettera vi è scritto che quel giorno finirà per piovere e loro si divideranno due ombrelli in tre la se stessa del futuro le dice inoltre che anche se riceverà un ombrello come regalo non dovrà per niente al mondo darlo a Kakeru che si dimenticherà il suo e fare in modo che finisca sotto quello di Naho così da andare a casa insieme … E difatti così avviene! Azu si rifiuta di prestare quello nuovo – regalo da parte di Hagita – e di tenerselo tutto per sé, così come gli altri declinano l’offerta di portare Kakeru sotto il proprio riparo e alla fine il ragazzo finisce per chiedere a Naho di tornare a casa insieme adoperando quello della nostra protagonista. E mentre Naho si scopre improvvisamente agitata nell’essere spalla a spalla quasi con quella di Kakeru gli altri non possono fare altro che sperare bene mentre li vedono allontanarsi e tenendo un sorriso complice. Siccome Naho aveva finito per essere troppo imbarazzata e agitata per questa cosa quando Kakeru le si avvicina ulteriormente dicendole di stargli vicino se non vuole bagnarsi per lo spavento fa cadere l’ombrello e rimangono zuppi di pioggia allorché si riparano sotto la tettoia in un parco. Qui Naho si scusa per la sua reazione improvvisa dopodiché quando gli porge la sua mano nella stessa maniera in cui nel terzo volume era stato proprio lui a compiere lo stesso gesto, Kakeru sembra quasi tentennare e rifiutare di afferrargliela e le dice che in fondo si erano già tenuti per mano una volta non è che debbano per forza farlo ancora ma quando Naho gli fa presente se gli piacerebbe ancora stringergliela Kakeru si vede crollare ogni dubbio e gliela tiene dolcemente. Poi le confessa che se gli dichiarasse i suoi sentimenti accetterebbe di mettersi con lei ma anche se per forza non dovessero finire assieme i due sono felici lo stesso di starsene così, mano nella mano e sorriso stampato in faccia. Si avvicina finalmente il festival sportivo e prima di ciò Kakeru e Naho si legano a vicenda la loro fascia rossa che porteranno durante tutto l’evento di competizione. La ragazza alla vicinanza spontanea di Kakeru non può fare a meno di ritenere che siano ancora più legati rispetto a prima … Ma quando vanno in campo tutti assieme si rendono conto che Kakeru sia leggermente cambiato, sembra con la testa tra le nuvole così gli domandano se vada tutto bene ma anche se quest’ultimo rassicura di stare bene non possono fare a meno di vederlo un po’ giù di morale. Naho sa benissimo il motivo: gli manca sua madre, in effetti, poco prima il ragazzo aveva confessato che i suoi siano divorziati e che sua madre sia impegnata troppo con il lavoro per venire ad assistere alle gare sportive del loro istituto scolastico celando ancora una volta il fatto che in realtà sua madre non ci sia più. Poi vedere tutti gli altri genitori attorno ai propri figli, incoraggiarli a dare il massimo, fare il tifo per loro, rassicurarli che andrà tutto bene, munirli di sorrisi e di cerotti in caso si facciano male rendono Kakeru chiuso in se stesso e anche se sorride quando Naho lo guarda dubbiosa si capisce benissimo che stia solo nascondendo il suo dolore. Tuttavia non si sono fatti cogliere impreparati e ben sapendo cosa sarebbe successo Suwa ha convinto i suoi genitori ad accompagnare anche la nonna di Kakeru lì con loro di modo che possa stargli vicino con la sua presenza e difatti alla vista della sua parente il ragazzo non può che sentirsi davvero felice che sia venuta anche se non l’aveva invitata di persona sa benissimo che gli ha fatto tantissimo piacere che sia qui unicamente per lui. Durante il momento del Bo Taoshi Suwa e anche gli altri ragazzi si spogliano rimanendo a torso nudo e quando Naho tirata in ballo da Azu e Taka le fanno confessare che Suwa sia davvero figo (e lo è, vi giuro. */////*) questo lo rende tutto rosso in volto ma Naho in verità ha occhi solo per Kakeru, non vede altro che lui ed è il solo che guarda … Sa benissimo che Kakeru per lei è l’unico ed il solo figo più di tutti ma questo deve dirglielo direttamente all’interessato come suggerimento di Azu e Taka! 😀 Tuttavia, Suwa decide di prendere di petto (LOL che gioco di parole) Kakeru e gli chiede se gli vada davvero bene se per esempio un altro ragazzo – lui stesso – si faccia avanti e decida di confessarsi a Naho prendendosela tutta per sé ma Kakeru non è convinto del tutto dei suoi sentimenti, non vuole ferire Naho e al contempo ha paura che possa trasferirsi ancora e quindi lasciarla ma il pensiero che sia l’amico a conquistare Naho lo lascia comunque rassicurato, in altre parole, se si tratta di Suwa gli può anche andare bene … ma sarà davvero così? Terminata la competizione a carattere maschile Suwa che è stato graffiato dagli altri senpai viene medicato alla postazione dell’infermeria da Naho che è stata addebitata a questo compito ma quando Kakeru li vede assieme mentre la ragazza che gli piace è intenta a curare le ferite del suo migliore amico capisce una cosa importante: non è vero che non gli importa … Mentre Suwa è soddisfatto di ciò perché sa che ha fatto centro, Naho rimane invece ancora confusa, non capisce come mai Kakeru l’abbia trattata male quando si era offerta di medicare anche lui … Naho quindi lo rincorre e cerca di rimettere le cose a posto tuttavia vengono interrotti dall’arrivo di un loro insegnante che affibbia ai due il compito di portare un materasso per il salto in alto alla postazione assegnata ma nel frattempo gli altri vengono a sapere da Hagita che nella sua lettera viene detto chiaramente che Kakeru si è ferito anche alla caviglia così corrono subito dai due e gli chiedono se vada davvero bene, gli dicono che è uno stupido, che non deve tenersi dentro tutto per sé i suoi pensieri, che se si è fatto male dovrebbe riferirlo a loro che sono i suoi amici, e di sfogarsi se ha bisogno di parlare. Kakeru prende la palla al balzo e subito gli escono le lacrime dagli occhi: rivela la verità, di come sua madre sia morta in realtà, di quando per quanto provi a mettercela tutta si senta sempre depresso e stanco e vorrebbe finire tutto e ancora di quanto non sappia cosa fare, se sia giusto essere felice anche in un momento come questo … Ma viene subito consolato, sua madre sarà in pensiero se Kakeru in un giorno importante come questo se ne stia tutto triste, al contrario, deve sorridere proprio per non farla preoccupare! Le parole dei suoi amici rendono Kakeru più sereno e gli donano quel tocco di calore e di amicizia di cui aveva proprio bisogno. Dopodiché però si vede rimproverare per aver taciuto sulla sua condizione fisica ma stavolta dice sul serio di stare bene e che non vede l’ora di correre la staffetta assieme a loro! Così, quando arriva il momento fatidico per stimolare Kakeru a dare il massimo e forse anche per stuzzicarlo Suwa gli propone un’offerta (non potrà affatto rifiutare LOL) ovvero quella che se arriverà primo Naho come ricompensa gli darà un bel bacio! E se invece fallirà, sarà lui a riceverlo dall’amica! Ma Kakeru è sicuro di sé, non perderà assolutamente! (e ci credo, dopo questa minimo minimo stabilisci un nuovo record! XD) Inizia la staffetta e si passano il testimone uno alla volta componendo poi una frase per Kakeru che Naho gli grida fortissimo ovvero la promessa che anche tra dieci anni lo aspetteranno! Rinvigorito da queste parole cariche di sentimento Kakeru spinge tutto se stesso e poi … taglia il traguardo vincendo tra le grida festose e gli abbracci che gli piovono addosso! Anche la nonna è felice di aver finalmente visto il sorriso di Kakeru dopo tanto tempo e questo bellissimo momento è immortalato dall’abilità di fotografo del padre di Suwa che ha catturato tutti i momenti più intensi di questa gara. Al termine del festival sportivo, Kakeru si avvicina a Naho e si scusa come si deve per essere stato sgarbato nei suoi confronti poco prima ed inoltre le dice di essere stato geloso per questo si era comportato male e infine si fa medicare dalla ragazza che aveva appresso dei cerotti, gliene pone uno sul braccio e lui … improvvisamente, con quel leggero sorriso velato di dolcezza diminuisce la distanza tra loro e le da un bacio sulla guancia dicendole che si è preso il premio che gli spettava! */////* (più dolce di così non si può! Kyaaah∼ *^*). Il gesto carino di Kakeru viene però visto senza volerlo da Suwa che rimane colpito da ciò ma non può comunque che esserne felice.

Sì, sta andando tutto per il verso giusto. Il futuro sta cambiando … ormai è parecchio diverso da quanto narrato dalle loro lettere, segno che forse le cose si stanno indirizzando verso una strada migliore? Beh, questo è un piccolo ma degno traguardo. Suwa che vede Naho e Kakeru raggiungere una certa affettività reciproca ne rimane il più soddisfatto, sta seguendo ciò che sulla sua lettera gli è stato chiesto: prendersi cura dei due … E lo sta facendo, si sta davvero impegnando … anche se è difficile e c’è in gioco anche il suo di futuro ma per Kakeru questo e altro, lo sta facendo per il suo migliore amico, affinché resti con loro anche tra dieci anni e finché tutto non sarà risolto non smetterà di aiutare Naho. E così giunge la fine del quarto volume che vede un forte avvicinamento di Naho e di Kakeru che ulteriormente accorciano le distanze e sembrano avere ora un legame molto più forte rispetto a prima ed è merito anche dei suoi amici che le sono rimasti vicini e che l’hanno aiutata a far sì che tutto vada per il meglio … Quando si è uniti si realizzano cose grandiose, non trovate? Kakeru ha ritrovato quel sorriso che a Naho piace tanto ed è intenzionata a farlo durare il più a lungo possibile!

Ed ora che si è concluso anche il quarto numero andiamo dritti subito avanti, al quinto, che segna l’epilogo tanto atteso! Mi raccomando leggete fino alla fine, ok? Per chi non vuole spoilerarsi la fine vi consiglio di fermarvi qui! 😉

005

Sono passati diversi giorni dalla fine delle competizioni sportive e Suwa ha portato a scuola le foto che suo padre ha scattato durante tutto il festival dello sport, tutti quanti sono riuniti a vederle e a commentarle assieme, c’è chi se ne prende una per ricordo, chi invece non vuole e cerca di convincere l’altro a prenderne un’altra e poi c’è proprio Suwa che non può fare a meno di notare che il sorriso di Kakeru vittorioso dopo che ha tagliato il traguardo gli ricorda moltissimo lo stesso che fece quando era bambino assieme alla madre e ad un cane, Kakeru conferma, è vero, quella foto se la ricorda anche lui ma come fa a saperlo il suo amico? Beh, Suwa gli spiega che sua nonna gliel’ha mostrata ma dopo Kakeru domanda curioso cosa significhi la frase che hanno costruito per lui e Azu gli risponde che probabilmente lo capirà lui stesso tra non molto! 🙂 Ma … come ha fatto Suwa a sapere di quella foto? Molto semplice! Il Suwa del futuro l’ha ricevuta dalla nonna di Kakeru al posto di una che avevano seppellito nella capsula del tempo … Siamo di nuovo nel futuro, tutti quanti son in auto e stanno parlando, Suwa si sente colpevole di aver rubato il futuro di Kakeru ma soprattutto di avergli portato via Naho perché era l’unico che sapeva dei sentimenti del ragazzo e per questo sa di essere il peggiore. Anche gli altri concordano, se lo avessero saputo prima forse qualcosa sarebbe cambiato? Tuttavia Naho rivela che anche se Kakeru sarebbe rimasto in vita alla fine avrebbe comunque scelto di vivere la sua vita con Suwa, lo avrebbe sposato ugualmente! Soprattutto dopo la dichiarazione che gli ha fatto quando erano al liceo che l’ha letteralmente conquistata! Azu non riesce a crederci! Ma quando di preciso gliel’ha fatta la dichiarazione? Beh, a detta di Hagita – che non sa tenere affatto i segreti – è successo il giorno della vigilia del nuovo anno! Intanto anche nel presente di Naho si sta avvicinando il Natale e di comune accordo Naho e Kakeru decidono di uscire assieme e di passare quindi la Vigilia in compagnia proprio come una coppietta come tutte le altre, cosa che rende alquanto imbarazzata la stessa Naho che non vede l’ora che giunga il fatidico momento! E poi assieme di aspettare l’arrivo del nuovo anno tuttavia Suwa, stranamente, si tira indietro dicendo di avere degli impegni e di non poter partecipare sotto lo stupore generale degli altri che non credono affatto alle sue parole … Cogliendo il momento in cui Kakeru si porta via Naho dicendole di volerle offrire dei dolci Taka se la prende con Suwa rimproverandolo per il suo comportamento perché sa benissimo il motivo per il quale ha deciso di fare di testa sua! Taka infatti rivela che nella sua lettera vi è scritto che anche Suwa parteciperà all’uscita di gruppo ma il ragazzo, testardo, dice che le cose non debbano per forza andare nella maniera in cui vi è narrato nelle lettere ma Taka lo interrompe affermando che lui stesso sta solo cercando di cambiarlo a tutti i costi! Poi aggiunge che Naho e Kakeru litigheranno quel giorno e che Suwa si precipiterà da una piangente Naho abbracciandola e consolandola ed infine si confesserà … Ma Suwa stavolta non vuole che ciò si ripeta, nel modo più assoluto! Sa che c’è in gioco il suo futuro ma questo è un mondo parallelo, ciò che cambieranno creerà una nuova strada, un nuovo futuro e che non avrà niente a che fare con ciò invece che vi è dettato nelle lettere … Azu rimane sorpresa nel sentire che Suwa e Naho convoleranno a nozze e che quella confessione di Suwa fu l’anticamera dell’innamoramento della ragazza nei suoi confronti … Per di più Suwa aggiunge risoluto che lui e Naho si sposarono per via di come si sono evolute le cose, dopo la morte di Kakeru e che è stata una sua scelta, e allo stesso modo anche questa sua presa di posizione è una scelta che spetta solo ed esclusivamente a lui. Se vuole compierla o meno è qualcosa di diritto di Suwa, non di nessun altro. Tornato a casa Suwa sfoglia le foto che gli sono state allegate nella lettera, quella di Kakeru da bambino che sorride con sua madre e il loro cane, i suoi amici da adulti ed infine, la sua con Naho e loro figlio … e un sorriso si dipinge sul suo volto. Il giorno della vigilia di Natale però Kakeru da buca a Naho dicendole tramite una chiamata che sua nonna sta male ed è con lei all’ospedale per tale ragione non può venire all’appuntamento che avevano organizzato, Naho ci rimane male ma spera però che il prossimo anno possano passarlo assieme … ci sarà una prossima volta, vero? Arriva dunque poi il giorno della vigilia del nuovo anno e come si erano promessi si incontrano al tempio per pregare e per festeggiare assieme, si presentano Naho, Taka, Azu e Hagita, Suwa non c’è, proprio come aveva detto di voler fare e Kakeru a quanto pare arriverà in ritardo … Naho però è tesa perché sa che durante questo momento avrà una lite con il ragazzo. Kakeru affermerà che se anche sua nonna se ne andrà resterà solo ma la Naho del futuro gli aveva risposto di lasciare le cose brutte da parte e di divertirsi rendendo quindi alquanto rabbuiato Kakeru che se l’era presa per la sua totale mancanza di tatto … A tal proposito Naho sa che quando arriverà quel preciso istante dovrà stare attenta a cosa dirà a Kakeru e se qualcosa andrà storto dovrà scusarsi in tutti i modi. Quella volta Naho aveva davvero fatto arrabbiare Kakeru e per la prima volta gli aveva visto in volto un’espressione talmente ferita e furiosa che l’aveva spaventata, in risposta si era vista gettare in faccia parole dure come quelle di non voler più parlare con lei e di stargli lontana … Nel frattempo arriva Kakeru che si complimenta con la nostra protagonista per quanto le stia bene la sciarpa e lei ricambia l’apprezzamento, dopodiché si dirigono a scegliere il biglietto per la fortuna dell’anno nuovo ed infine proprio come era previsto nella lettera Naho e Kakeru hanno perso a morra cinese stanno facendo il giro per l’acquisto delle bevande da consumare. Kakeru ne approfitta per chiedere nuovamente scusa a Naho per averle dato buca alla Vigilia e lei in risposta gli domanda le condizioni di salute di sua nonna. Kakeru le racconta che stava davvero male e che la sua influenza poteva trasformarsi in una polmonite e che se le succedesse qualcosa di brutto si ritroverebbe ancora una volta da solo. Eccolo il momento! Naho è agitata, come dovrebbe quindi rispondergli? Non vuole ferire Kakeru! Innanzitutto esordisce dicendo che non deve preoccuparsi e che starà bene ma subito viene fermata dal ragazzo che le rivela di aver pensato la stessa cosa anche quando si trattò di sua madre tuttavia Kakeru le sorride e non sembra essersela presa per la sua risposta. Tuttavia Naho ha capito che il sorriso è un altro di quelli suoi finti, è una brutta abitudine questa che ha Kakeru, il quale le dice di volersene andare via prima perché è preoccupato per sua nonna e vorrebbe starle accanto. Naho prova timidamente a convincerlo a stare ancora un altro pochino perché di certo sua nonna starà bene e non andrà da nessuna parte ma Kakeru ritorna serio e duramente le dice che non può esserne così sicura perché è come la volta scorsa, come può dire che tutto andrà bene? Kakeru si addossa di nuovo la colpa della morte di sua madre ed intanto le lacrime di Naho le rigano il volto, no, non doveva andare così, vorrebbe ricominciare da capo questo momento e riprovarci ancora ma non si può tornare indietro, Naho sapeva bene quel che sarebbe successo nonostante ciò ha fallito e ha ferito Kakeru ancora una volta! Fa quindi per trattenerlo ma Kakeru la rifiuta e la allontana da sé lasciandola in un mare di lacrime che piano piano la invadono. Intanto i loro amici hanno rintracciato al telefono Suwa e stanno cercando di convincerlo a venire perché sono preoccupati per Naho, Hagita poi sostiene che forse non è giusto quello che sta facendo, se Suwa vuole cambiare il futuro non è corretto nei confronti delle altre persone che a loro volta si vedranno cambiare il loro per una scelta fatta ostinatamente come la sua … Tuttavia, pare che Suwa sia nei paraggi … infatti dopo poco raggiunge Naho che sta piangendo disperata, l’accoglie a sé e l’abbraccia forte, le dice che non deve abbattersi perché Kakeru non la odia veramente, che deve provarci ancora a fare qualche altro progresso e che li aiuterà se ci sarà bisogno infine le riscalda il cuore dicendole che deve essere contenta di poter fare tesoro dei momenti che sta vivendo con Kakeru, di affrettarsi e di raggiungerlo perchè l’anno nuovo sta per arrivare … Rassicurata e più calma Naho lo ringrazia e corre via lasciando Suwa con il tormento che probabilmente Taka se la prenderà tanto con lui per non averle confessato i suoi sentimenti come nel passato del se stesso del futuro … Naho chiama Kakeru al cellulare ma lui non risponde e in uno scatto di ira quest’ultimo lancia il telefono per terra … E’ iniziato il nuovo anno ma sembra che Naho avrà poco di cui festeggiare, altri problemi sono in arrivo e dovrà ancora affrontare dure prove prima di riallacciare i rapporti con Kakeru.

A questo punto della storia avviene il flashback della vita di Kakeru, si scopre che la madre di Kakeru gli ha buttato via le scarpe da calcio e la borsa, si erano trasferiti senza che gli chiedesse prima la sua opinione, era giunto a Matsumoto e aveva conosciuto Suwa, Azu, Taka, Hagita e Naho per la quale provava un po’ di interesse forse perché avevano qualcosa in comune, sua madre lo aveva cercato al cellulare ma lui era stanco di tutta questa storia e per la prima volta l’ha rifiutata, fu l’ultima volta che si scrissero dei messaggi, dopo non la sentì più, sua madre morì suicidandosi, Kakeru tornò a scuola come se niente fosse, aveva negato di iscriversi al club di calcio, Azu aveva sbagliato l’ultima battuta e la loro classe aveva perso, Naho c’era rimasta male perché avrebbe dovuto battere al suo posto, Kakeru la consola, è anche colpa sua se non l’ha fermata nonostante tutto e di non preoccuparsi ormai più, Kakeru era andato all’incontro con gli amici delle medie con i quali non si vedeva da parecchio, confessa loro che sua madre è morta e di aver pensato di fare altrettanto solo che gli altri lo prendono in giro pensando che sia uno scherzo … ma quale scherzo?! Kakeru tenta il suicidio, viene ricoverato in ospedale, si riprenderà ma forse è meglio che faccia una consultazione al reparto psichiatrico, anche la nonna tenta di convincerlo per il suo bene ma Kakeru si rifiuta con tutte le sue forze e si arrabbia anche molto, Kakeru alla staffetta inciampa e le gambe non gli reggono, la loro classe – la squadra rossa – perde. Suwa convince Kakeru a sotterrare la capsula del tempo tutti assieme, la vigilia dell’anno nuovo ferisce Naho, le dice cose che in realtà non avrebbe voluto dirle, ma pazienza, pensa che sarà l’ultima volta che la ferirà in questo modo, si abbatte, i pensieri negativi hanno la meglio, è disperato, forse era meglio se non avesse mai finito per diventare amico di quei cinque, presto però tornerà come prima, non saranno più in sei, Suwa confessa a Kakeru che si è dichiarato a Naho, Kakeru è curioso di sapere come gli abbia risposto la ragazza, finge di fare il tifo per loro due quando in realtà prova tutt’altro, vede Naho con la cioccolata in mano e si domanda a chi mai sarà destinata, tuttavia nonostante tutto Kakeru ha provato a comportarsi come sempre nonostante il diverbio con Naho, poi trova il cellulare di sua madre e legge il messaggio che mai la donna gli ha inviato e che è ancora salvato nelle bozze. Sua madre gli racconta di quanto sapesse che Kakeru fosse molto legato al padre ma lo stesso però aveva l’abitudine di alzare le mani su di lui e per questo avevano divorziato, per il suo bene, sua madre sapeva anche che a calcio Kakeru era stato preso di mira perché era diventato un asso e un punto chiave della loro squadra, pensava che se avesse lasciato il club di calcio avrebbe smesso di soffrire e per tale ragione aveva deciso di trasferirsi altrove, forse era stata egoista a pensare a tutto da sola ma l’aveva fatto perché lo amava tantissimo … Kakeru riceve una bella batosta nel venire a sapere tutto questo, colmo di lacrime scappa via e in sella alla bici si rende conto che nulla ha più importanza ormai e che presto raggiungerà sua madre, si volta verso la fine con lo sguardo di chi è ormai perso e poi il buio più totale.

Torniamo nel presente, Kakeru si sta comportando come se niente fosse successo, sono a scuola, e saluta Naho con un leggero sorriso tuttavia il ragazzo comincia a evitarla, i due comunicano il poco possibile per poi tornare ad allontanarsi sempre più nonostante i tentativi di Naho di riappacificarsi per la scorsa volta. La ragazza però non demorde e finisce con il fermarlo, gli chiede scusa e gli dice di voler fare pace ma Kakeru le dice che è tutto a posto tuttavia quando la ragazza gli propone di tornare a casa insieme torna nuovamente con il comportarsi in modo alquanto sfuggente, no, non va decisamente bene così! Non è sistemato tutto un bel niente! E quando per l’ennesima volta Kakeru tiene le distanza da Naho nel bel mezzo della lezione la ragazza nel ripensare a tutto ciò finisce con il piangersi addosso tra lo stupore degli altri. Naho però non si abbatte e ferma nuovamente Kakeru dicendogli di aspettarla a San Valentinoassolutamente! Naho inoltre comprende che non le importa se viene odiata da Kakeru tutto quello che le interessa in realtà è che non lo perda! Giunge il 14 febbraio, il giorno prima della morte di Kakeru, Naho è intenzionata a dargli la sua cioccolata che ha preparato durante l’ora di economia domestica ma improvvisamente Kakeru non le chiede a chi la darà come viene detto nella sua lettera e questo le fa pensare che tocca a lei agire, deve essere lei quella a farsi avanti! Naho nota Kakeru con un pacchetto in mano, è cioccolata da parte di una ragazza ma lui le dice che non ha intenzione di mettersi con questa ragazza ma neanche con lei! Tuttavia poco dopo perde le occasioni per incrociarlo nuovamente e Kakeru sembra essere diventato davvero bravo a pedinarla e a sparire un attimo prima che lei gli rivolga la parola! Ma la ragazza non ha intenzione di cedere ai suoi giochetti … neanche quando si scontra con la senpai Ueda e la cioccolata finisce tutta deformata al suolo … gliela darà, non importa cosa! Naho lo raggiunge prima che sia troppo tardi davanti agli armadietti per il cambio delle calzature e i due si appartano per discutere in tranquillità fuori, gli rivela le parole che la se stessa del futuro avrebbe voluto dirgli quando ebbe la sua occasione ma che non poté e così Kakeru viene a sapere dalla ragazza che non le importa niente se viene ferita da lui, perché pensava, anzi, di essere stata lei a fargli del male, che non gli interessa niente se verrà ferita da lui ma vuole assolutamente parlargli ancora e ancora, perché è tutta colpa sua. Kakeru colpito dalle sue parole la consola dicendole che in realtà era tremendamente spaventato all’idea di ferire i suoi sentimenti e che finisse per essere odiato da lei, e in tutto questo nel suo cuore era stato molto ma molto felice che Naho volesse dare la cioccolata proprio a lui, che gli abbia chiesto di tornare a casa insieme e anche quando gli ha augurato buona giornata, insomma, Kakeru vuole stare con Naho! Allorché nel sentire ciò Naho prende coraggio e gli confessa di voler uscire con lui perché si è resa conto che lo conosce poco e vorrebbe invece scoprire più cose sul suo conto, cosa gli piace fare e cosa lo rende veramente felice, vorrebbe essergli vicina e aiutarlo come può. Kakeru però le ribadisce che non vuole stare con nessuna riprendendo le parole di poco fa, finirebbe solo per ferirla ancora, scappare via e mentirle ma a Naho non importa perché se è felice lo è anche lei e proprio per questo le può dire di tutto. Kakeru abbracciato dalla ragazza lascia correre le lacrime e confessa ogni cosa: odia se stesso, qualche volta vorrebbe scappare da tutto e da tutti ma vorrebbe solo diventare forte ed essere felice, chiede forse troppo? Naho allora gli dice che lo faranno assieme! Diventeranno felici e vivranno le loro vite insieme, sempre! A questo punto su suggerimento di Kakeru Naho gli consegna la sua cioccolata anche se tutta ammaccata e se ne va felice e con il viso ancora umido di lacrime ma dentro di sé un calore si sta espandendo grazie alla presenza della ragazza. Kakeru viene chiamato a gran voce dagli altri che sono affacciati alla finestra e avevano assistito alla scena, il ragazzo fa il segno “affermativo” con le braccia dicendo che ha ricevuto la cioccolata da parte sua e anche i suoi sentimenti, facendo ancora una volta piangere stavolta di gioia la ragazza ed infine si prendono per mano. Il futuro, domani, potrebbe cambiare, Naho ne è sicura! Dopo quello che è successo in questo giorno è sicura che domani le cose potrebbero andare diversamente ma ancora non è detto … la paura c’è ancora ma la speranza è infinita.

Giunge quindi il 15 febbraio, Naho e Kakeru sembrano andare d’accordo, quest’ultimo invita la prima a consumare la pausa pranzo assieme e in questa occasione Naho gli confessa che durante il festival sportivo era davvero il più figo di tutti (oddio, finalmente gliel’ha detto! *o*) e che il fermaglio per capelli che gli ha regalato è il dono più prezioso che ha, ciò rende davvero felice Kakeru che si ritrova davvero imbarazzato ma al contempo davvero felice e … le dice che la ama! Naho piange ma è solo felicissima di come siano ormai le cose, sa che si è impegnata tantissimo e ha dato il massimo in tutto e se ora se ne stanno così vicini l’uno con l’altra è merito degli sforzi che ha fatto non solo lei ma anche tutti gli altri … Tuttavia quando Naho gli chiede di tornare a casa tutti insieme Kakeru le dice che vuole andare presto a casa per stare con sua nonna. A tal proposito loro sei discutono di ciò che avverrà più tardi, l’incidente di Kakeru avverrà attorno alle otto di sera, prendono la decisione perciò di appostarsi nel punto preciso in cui avverrà il terribile misfatto. Quando si avvicina l’ora però Kakeru non sembra arrivare ma giusto in caso di essere sicuri il gruppetto decide di andare a casa del ragazzo e qui trovano la nonna che spiega loro dell’uscita improvvisa del nipote senza averle detto nulla a proposito. Tuttavia, Kakeru, chissà perché, non ha preso la bicicletta … allora non deve essersene andato tanto lontano, giusto? Subito si mettono alla sua ricerca. Salvare Kakeru non significa toglierlo fisicamente dalle braccia della morte ma salvare il suo cuore e la sua mente, ecco cosa. Tuttavia ecco che Naho lo avvista! Kakeru è sul bordo di una strada, sta andando incontro ad un camion in corsa … Ora è sdraiato al suolo, Suwa e Naho accorrono subito chiamandolo a gran voce ma il ragazzo fortunatamente è vivo, ha le lacrime agli occhi e sembra solo essersi preso un grande spavento. Accorrono anche Azu, Taka e Hagita per constatare come stiano le cose, preoccupati come non mai. Kakeru confessa che avrebbe voluto chiedere scusa a sua madre e raggiungerla ma ha avuto paura di morire e questo perché se morisse perderebbe tutti i ricordi che ha costruito con tutti loro e poi Naho gli ha anche dato la cioccolata … come potrebbe pensare di volersene andare via? Ma poi improvvisamente si chiede come abbiano fatto a sapere dove si trovava e Suwa spiega che hanno saputo tutto dalle lettere che hanno ricevuto e che a loro volta ne hanno delle altre da consegnare proprio a lui, nelle sua mani! Sono i pensieri di Naho, Suwa, Azu, Taka e Hagita del futuro, le loro scuse e i loro ringraziamenti. Suwa da la colpa a Kakeru, sì, è colpa sua se è successo tutto questo e per tale motivo non gliela perdonerà mai se farà ancora qualcosa del genere, lo abbraccia forte e gli chiede anche scusa per il fatto di averlo invitato il giorno della cerimonia di apertura ma Kakeru è felice che loro lo abbiano incluso nel gruppo e ringrazia tutti per essere diventati suoi amici, infine, si abbracciano tutti assieme in quello che è diventato un miracolo. Kakeru è vivo e loro sono lì con lui, non lo hanno abbandonato e mai lo faranno neanche in futuro. Hanno costruito assieme un mondo parallelo nel quale Kakeru non muore e dove tutti sono uniti, è questo quello che volevano e ci sono riusciti, nonostante molti momenti bui hanno trovato la forza per andare avanti e non mollare mai. Ma Azu pone la domanda che noi lettori ci siamo fatti: perché Kakeru non ha preso la bici? Beh, il ragazzo voleva salire in sella ma ha notato che i freni erano stati manomessiHagita?! E dire che lo aveva detto tanto per dire! LOL 

Arriva il giorno in cui tutti assieme inseriscono le loro lettere dentro la capsula del tempo e Naho chiede a Kakeru cosa abbia scritto nella sua lettera ma le risponde che è un segreto! Infine sulla strada del ritorno Naho nota che Kakeru sembra allegro e infatti lo è per davvero, è contento di essere vivo e ringrazia tutti per averlo salvato!

Ultima scena. Futuro.

Suwa sta tenendo in braccio il suo bambino, stanno tornando a casa, Naho nota una figura a lei famigliare, si gira e sorride, salverebbe Kakeru ancora e ancora.

E così termina questa maratona shoujo durata ben cinque numeri che mi sono sembrati dei veri parti, davvero intensi a livello emotivo per i quali ho avuto – non nego – parecchie difficoltà a raccontarvi la storia. Comunque, spero che vi siate divertiti e che Orange sia riuscito a conquistarvi nella stessa maniera a cui è piaciuto a me! ^_____^ Perdonatemi se ho anche parlato troppo ma una cosa tira l’altra e non potevo non aggiungere altri dettagli per una maggiore comprensione, nonostante ciò, vi consiglio di recuperare alla svelta la serie e di gustarvela come si deve! Poi ditemi come vi è sembrata, su quali pensieri avete ragionato e cosa invece vi ha fatto storcere il naso sempre se ce ne sia stata alcuna. Orange ci è stato portato da Flashbook, che ha guadagnato un gran bel titolo al suo bagaglio di pubblicazioni, un vero colpaccio! L’immenso successo di Orange ha portato alla realizzazione di una serie anime e di un live action ed ora anche ad uno spin off incentrato sul personaggio di Suwa, il quale mi stuzzica parecchio lo ammetto! Che altro aggiungere? Grazie per avermi seguito fino a qui anche se magari non avete letto tutto il post, LOL e ci vediamo alla prossima maratona shoujo! *______* Nuovo anno arrivato ma la vostra Juliet non si fermerà, è subito pronta per correre ancora con voi nuove storia d’amore e di amicizia che vi terranno compagnia! ^_____^

Ci si vede! 🙂

Informazioni su Juliet

Sono una ragazza di 25 anni che sta crescendo giorno dopo giorno a pane, shoujo e fantasia e che va pazza anche per il kpop. Il mio Blog è il nascondiglio che più preferisco dove poter dare sfogo alle cose che mi piacciono e a tutto ciò che succede nella mia vita. ♥
Questa voce è stata pubblicata in ѕнσυנσ e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...