#Day 1: Il primo manga non si scorda mai

Salve a tutti! ^_____^

Per questo primo Day ho pensato che fosse meglio cominciare da dove tutto ha avuto inizio … E quindi tornando indietro nel tempo posso solo ricordare con molta gioia e tanta nostalgia il giorno in cui acquistai il mio primo manga.

A quel tempo andavo ancora alle superiori, al calar del secondo anno se non sbaglio, e la mia passione per i manga avrebbe avuto il suo via di lì a poco. Certo, a ripensarci credo che sia stato davvero di buon auspicio il fatto che mi fossi lasciata influenzare dalla passione per questi fumetti giapponesi che si “leggono al contrario” perché posso dire che la mia vita si è riempita di vere boccate d’ossigeno puro nelle quali potermi rilassare e starmene per i fatti miei con gli occhi incollati alle tavole e i polpastrelli che sfumano appena di nero a furia di tenere il volumetto in mano. L’odore della stampa, della carta, dell’inchiostro, non è l’unico che lascia trasparire tante sensazioni ma il grosso è sicuramente dato dalla trama, dai personaggi, dalle vignette e dalle onomatopee introdotte qua e là che caratterizzano un’opera di questo genere e che la rendono unica. Sempre a quel tempo, non sapevo esattamente la differenza tra anime e manga ed io che stavo appena muovendo i miei primi passi in questo vasto e variopinto mondo colorato o in bianco e nero ero una lettrice in erba che stava mostrando interesse verso qualcosa che aveva solo sentito dire ma mai aveva avuto l’occasione di poter ammirare con i miei stessi occhi.

Un manga. Volevo averne uno.

Perché? Perché mio fratello stava acquistando volumi random di Naruto giusto per leggere qualcosa (a quel tempo stava spopolando davvero tanto Naruto, chi di voi si ricorda quanto successo ha portato soprattutto agli inizi?) e perché ero venuta a conoscenza che ne esistevano davvero tanti quindi sicuramente da qualche parte ce n’era uno che avrebbe fatto al caso mio! Solo che … non sapevo come muovermi, dove potevo comprare un manga? In edicola? Sì, certo ma anche nelle fumetterie. Solo che io a quel tempo non ne conoscevo neanche una … Tuttavia, venni a conoscenza che la Star Comics stava ristampando Dragon Ball in un formato diverso, chiamato per l’appunto, Perfect Edition e che proprio in quel periodo stava uscendo un volume che era giunto al punto che preferivo di più nell’anime. Ebbene, sono cresciuta con Goku, quel bambino super forte dai capelli appuntiti che volava cavalcando una nuvoletta dorata e che se ne andava in giro per avventure alla ricerca delle sette sfere del drago, ebbene, aver seguito fin dagli esordi in tv Dragon Ball si può dire che ormai lo conosca come le mie tasche e non esagero quando lo dico perché ne sono una fan. Quella bambina incantata davanti allo schermo nel vedere quegli incontri di arti marziali mozzafiato ha visto poi diventare dapprima ragazzino e poi adulto quel bambino che aveva conosciuto e con lui anch’io sono diventata grande. Penso che Dragon Ball sia stato sicuramente il mio primo approccio al mondo dei manga e questo lo posso confermare visto che a maggio del 2008 decisi di acquistarne una copia. La storia in quel mese vedeva come protagonista Gohan che, sconfitto una volta per tutte il cattivo Cell, cominciava qualche anno dopo la sua vita scolastica come adolescente  alle prese con il liceo! E siccome Gohan è uno dei personaggi preferiti in assoluto della serie e mi piaceva tantissimo quella parte della storia … beh, giusto per dirvi, mi facevo registrare le puntate così quando tornavo a casa potevo vedermele con tutta calma, decisi che volevo davvero vederlo anche in formato cartaceo! Tra l’altro mio fratello aveva notato che in una edicola “vicina alla nostra scuola superiore” c’era anche un angolo dedicato a questi fumetti strani, decisi che quando sarei uscita da scuola, dato quel giorno mi ero dovuta fermare per un corso, ci sarei passata a dare un’occhiata! E così feci.

Ricordo con emozione quando varcai la soglia di quell’edicola e con quanta titubanza mi guardai attorno … i miei occhi scorrevano su giornali, riviste e quant’altro senza mai fermarsi e poi eccoli che si aggrappano saldamente al piccolo angolino con i manga. Lì, proprio come mi aveva confidato mio fratello, c’era una copia del numero di Dragon Ball Perfect Edition n°29 che voi potete guardare qui sotto! 🙂

4328.1

Mi ricordo che in quell’edicola erano riservati solo un paio di ripiani ed erano messi piuttosto in basso quindi mi ero praticamente accucciata sulle ginocchia per guardarli meglio. All’inizio quando lo presi tra le mie mani tremanti lo sfogliai piuttosto velocemente, spinta dalla più irrefrenabile curiosità che mi era assalita, e poi ricordo come mi stupii di vedere alle ultime pagine di questo numero l’inizio del torneo indetto da Mr. Satan! E rimasi piuttosto sconcertata … dove erano finite tutte quelle puntate su Gohan, Videl e compagni? Beh, semplicemente nel manga non esistono! Visto che erano puntate filler, presenti solo nella versione animata! Non immaginate la mia faccia! 😄 

Devo dire che questo non me lo aspettai per niente ma in secondo luogo mi entusiasmai di poter leggere la storia “vera” senza inutili episodi che non avevano uno scopo all’infuori dell’occupare ulteriormente la storia con scene che potevano benissimo anche non essere state create se non per intrattenere il pubblico. Ricordo ancora la timidezza nel porgere il fumetto all’edicolante dietro il bancone nonostante fosse stato gentile e non si curò per niente di come potevo sembrare imbarazzata. Pagai e poi uscii fuori con un sorriso di gioia dipinto in volto. Avevo appena comprato il mio primo manga. Un manga che sapeva di una storia che conoscevo anche fin troppo bene ma che non avrebbe mai smesso di raccontarmi altri particolari. Poi arrivai a casa e lo nascosi in camera mia, neanche avessi comprato chissà cosa: un pacchetto di sigarette o una birra. 😄 Solo che probabilmente mi sentivo piuttosto insicura, quasi a non voler far sapere come avessi speso quei quattro euro. Fatto sta che quando mi capitò di leggerlo, non ricordo se lo feci immediatamente subito o qualche giorno dopo, ne rimasi molto soddisfatta. Era Dragon Ball in fondo! Era il “cartone animato” che avevo imparato a conoscere e che mi aveva tenuta tanta compagnia fino a quegli anni e in fondo … cosa avrei voluto avere di più? eheh … 😄 *risata*

Questo è stato il mio primo manga. Uno shonen. Io che leggo principalmente shoujo. 😄 Beh, chi l’avrebbe mai detto? E’ stato il primo che ho veramente adorato, la prima opera che ho seguito con grande emozione fin da quando ero piccina picciò e il primo che ancora oggi mi diverte se mi capita di rivedere una delle tantissime repliche in tv ma questo sicuramente lo saprete molto bene anche voi. LOL

Inutile dire che dopo questo numero di Dragon Ball seguirono poi altri manga, tutti diversi tra loro e con storie che ancora adesso a rileggerle fanno venire nostalgia e tante emozioni come se fosse la prima volta. ^______^ Ah, recentemente, ma non troppo, mio fratello ha recuperato tutta la serie cartacea di Dragon Ball della Star Comics! Un giorno, chissà quando, rileggerò anch’io l’intera serie … e sarà sempre una riscoperta aver a che fare con Goku e compagni dalla prima fino all’ultima pagina. 😉

Informazioni su Juliet

Sono una ragazza di 24 anni che sta crescendo giorno dopo giorno a pane, shoujo e fantasia e che va pazza anche per il kpop. Il mio Blog è il nascondiglio che più preferisco dove poter dare sfogo alle cose che mi piacciono e a tutto ciò che succede nella mia vita. ♥
Questa voce è stata pubblicata in manga e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a #Day 1: Il primo manga non si scorda mai

  1. Milk Of Cow ha detto:

    Ciao Juliettinaaaaaaa! *______*

    Ecco il #Day 1, finalmente ho un di tempo per commentare! ^______^

    Dragon Ball, l’ho sempre seguito anch’io fin da bambina, ricordo di quando andava in onda su alcune reti minori, prima che i diritti venissero acquistato da mediaset, quanti ricordi! *^* Se non sbaglio su quei canali le sigle erano quelle in giapponese, ed andava in onda solo la prima serie! 😉
    Deve essere stao un duro colpo quando hai visto che quella parte con Gohan e Videl nel manga non esisteva! ^__^”

    Il primo approccio che ho avuto io con i manga è stato quando una mia compagna delle elementari portò a scuola un volume di Sailor Moon! *_____* La lettura era ancora quella all’occidentale! 😄 Per iniziare anche io e mia sorella compravamo volumi random, ma ricordo perfettamente quale è stato il primo manga che ho acquistato dal primo all’ultimo volume pubblicato in Italia, sto parlando di “The Slayers”, Planet Manga (lettura alla giapponese)! 😉 Inutile dire che l’ho conosciuto tramite l’anime trasmesso in TV, a cui diederò il titolo “Un incantesimo dischiuso tra i petali del tempo”, a cui poi aggiunserò “per Rina” perché evidentemente per loro il titolo che gli avevano dato non era ancora abbastanza lungo! XDXDXD
    Iniziai quindi a collezionare manga tra le elementari e le medie… da una vita insomma! 😄
    E la passione continua! ❤

    Ora corro dal #Day 2! 😉 A dopo! ❤

    • Juliet ha detto:

      Ciao Milkina dolcissima! ^________^

      Eh, già, visto? Ho cominciato questa lunga avventura che spero possa essere interessante e divertente! E sono contenta che la seguirai assieme a me! *______*

      Ohoho, Dragon Ball ormai è una serie che ha fatto crescere intere generazioni di bambini! 😄 E ogni tanto rispunta con nuovi film animati, giochi per le console e chi ne ha più ne metta! In fondo, i grandi “cartoni animati” che hanno fatto la storia non smettono di certo di far parlare di sè per un motivo o per un altro! Anche se ad un certo punto ci si domanda se sia giusto fare merchandising o continuare a ideare storie sulla serie principali a discapito forse del “rovinare” ciò che finora era stato considerato da tutti una bella opera. Comunque, sull’onda del “recuperiamo serie vecchie”, penso che prima o poi riprenderò la serie in formato cartaceo visto mio fratello l’ha presa tutta trovandola in prima edizione di Star Comics! 😄 eheh.
      Mmm, diciamo che ero stupita ma più in senso positivo! Sono contenta che non esistano nel manga, avrebbero allungato il brodo per niente di particolare … Le puntate filler non aggiungono comunque nulla di nuovo alla storia, sono tappabuchi inutili ma godibili lo stesso. ^_____^

      Sailor Moon, bellissimo! *^* Cose di altri tempi, vero? 😄 A ripensarci ti fa venire nostalgia anche a te, vero? eheh. Sì, evidentemente volevano complicare le cose apposta! LOL Molto prima di me, hai iniziato ma è stato un bene che sia successo ad entrambe altrimenti non ci saremmo ritrovate anni dopo a parlarne come facciamo adesso … *_______*
      E non si fermerà mai! *sperando che i nostri portafogli non se la prendano con noi* 😄

      A dopo! 😉

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...