Sapore di Fragola n°5 – Mayu Sakai

Il numero conclusivo dello shojo di Mayu Sakai, l’autrice di “Rockin’ Heaven”! Per Hime è giunto il momento di scoprire il segreto di Hiroyama. Come mai è così protettivo nei suoi confronti? Secondo Natsuno è perché è innamorato di lei, ma la verità la conosce solo Hiroyama e verrà alla luce in questo commovente ed emozionante volume. E per la gioia di tutte le fan della Sakai, in appendice troverete una serie di storie extra!

Fonte: Planet Manga

Yeeeeah, rieccomi! ^______^ Mi stavate aspettando? Come? Aaaah, stavate aspettando l’ultima tappa della maratona e non me? Beh, ahaha, mi sembra giusto! 😄

Fragoline mie, siete pronte per l’ultima tappa della maratona shoujo di Nagatacho Strawberry? 😉 Mayu Sakai ci accompagna quindi a farci scoprire come termineranno le avventure di Hime Ichinose, la piccola ma non tanto ingenua protagonista di questa mini serie in cinque volumi completa, e di Natsuno Kirihara, il bel compagno di classe che è sempre stato al suo fianco fino a diventare il suo ragazzo ma con il vizietto di farsi pagare dalle ragazze in cambio di favori come baci, appuntamenti o tenersi mano per mano … Dopo averne passate un po’ di ogni i due ormai sono prossimi ad un’altra importante svolta nella loro vita di coppia. Il quarto numero ci aveva quasi fatto intuire che forse Hiroyama il segretario personale del Primo Ministro era interessato sentimentalmente alla dolce Hime? Ma sarà vero? O se è tutta un’incomprensione? Intanto, per chi si fosse dimenticato di leggere la quarta scheda vi rimando QUI così potete gustarvela prima di inoltrarvi in questo ultimo numero dell’autrice conosciuta per lo più con le sue opere di Momo, Rockin Heaven e di Sugar Soldier! *_______* Beh, intanto non mi resta altro da dire se non …

BUONA LETTURA!

Avevamo lasciato Hime mentre veniva salvata da Hiroyama dopo che una lampada le stava cadendo direttamente in testa a causa di alcuni lavori di manutenzione nella villa a Nagatacho. Il segretario viene quindi subito ricoverato in ospedale e Hime comincia a capire quanto siano vuote e insolite le sue giornate senza il fedele assistente che le gira attorno, che si preoccupa per lei e che è costantemente presente nella sua vita. Nonostante questo incidente Hime è ancora confusa: Hiroyama prova del tenero nei suoi confronti proprio come le ha suggerito Natsuno? Ormai sono passati dei giorni e la nostra protagonista ci vuole vedere bene nella faccenda seppur anche solo presentarsi da lui in ospedale le causi imbarazzo e vergogna. Tuttavia fattasi accompagnare da Natsuno i due si recano in ospedale e qui scoprono che è nello stesso in cui anche la madre di quest’ultimo, Koko Kirihara, è ricoverata ma in un altro reparto ovviamente per un problema diverso. E qui Hime scopre che Hiroyama è un instancabile stacanovista e che anche costretto a letto è dedito al lavoro e anche in quel momento era tutto preso dal sbrigare certe pratiche importanti con tanto di pc sul tavolino. Hime con un po’ di coraggio ammette che purtroppo non può ricambiare i suoi sentimenti e che le dispiace tantissimo ma Hiroyama capendo il malinteso scoppia a ridere. No, le cose non stanno così! Hiroyama non è assolutamente innamorato di Hime, ok, è protettivo e le vuole bene ma come gli si conviene dato che la conosce fin da quando era poco meno di una bambina. Racconta che invece questo suo interesse è stato solo voluto dalla madre di Hime che poco prima di venire a mancare gli ha chiesto espressivamente di prendersi cura di lei perché essendo i suoi genitori troppo indaffarati con il lavoro non le dedicavano molto tempo. Scopriamo che la madre di Hime è il suo punto debole e anche veniamo a sapere che verso questa figura non prova molto affetto oltretutto ricorda poco di lei e non ne parla praticamente mai nonostante abbia invece un padre a dir poco conosciuto. Tuttavia nel mentre sono presenti all’ospedale la caposala nel vedere Natsuno accorre subito da lui comunicandogli una brutta notizia: sua madre, Koko, sta malissimo ed è nel bel mezzo di una crisi cardiaca. Il ragazzo sconvolto e teso per la vita della sua giovane madre scoppia a piangere e poi si scusa con Hime per averla coinvolta in una simile scena triste. Questa situazione improvvisa vede Natsuno passare uno dei peggiori momenti della sua vita e lo pone davanti ad un bivio importante dal quale decide di accettare una scelta a dir poco ardua: lasciare la scuola e inoltrarsi nel mondo del lavoro per cercare di accaparrare i soldi necessari per l’intervento che salverebbe la vita di Koko. Hime cerca di farlo ragionare, è impossibile che per uno come lui riesca ad arrivare ad avere una tale somma in così poco tempo ed inoltre cosa ha in mente di fare? Come potrebbe riuscire a guadagnare una tale cifra? Non è per farlo desistere che Hime gli rivolge quelle parole ma solo perché si preoccupa tantissimo per Natsuno e nonostante Hime cerchi di aiutarlo si ritrova anch’essa spaurita. Natsuno parla anche coi professori per quanto riguarda la sua decisione drastica ma Hime non ci sta! Era un desiderio di Koko vedere Natsuno diplomarsi al liceo perché lei non c’è riuscita, improvvisamente, si era ritrovata con un bimbo in grembo e la sua vita ha subito una svolta inattesa ma anche dolce. Koko non rimpiange il fatto di aver avuto Natsuno ma ora che è lei ad avere un problema grosso Natsuno vuole cercare di ripagare tutto quello che finora aveva fatto per il suo bene e ritiene quindi che cercare un lavoro alla sua giovane età sia comunque un passo decisivo … ma se questo può aiutare Koko lo farà più che volentieri. Hime, però, gli telefona tempestivamente e lo lascia con la promessa di dire agli insegnanti che ha cambiato idea e che continuerà a frequentare la scuola ma a cosa dobbiamo questo improvviso cambio di registro? Ebbene, Hime vuole affrontare direttamente suo padre, il Premier perché ha un favore da chiedergli, per la prima volta Hime sta chiedendo aiuto a suo padre. Quando lo incontra gli domanda di dargli una grossa somma di denaro (non viene però specificata nel manga) e che la vuole subito. Ma a frapporsi tra i due è il fratello più grande, Kei, che si oppone fermamente a questa richiesta che a lui pare davvero sciocca. Inoltre, Kei è del parere che Hime non dovrebbe fare questa cosa solo per aiutare qualcuno che non fa neanche parte della loro famiglia … (aspetta e vedrai ahaha! XD). Ma a farsi in quattro ancora una volta a favore della signorina Hime è proprio Hiroyama che venuto a conoscenza da Natsuno che Hime è irraggiungibile telefonicamente ha subito intuito dove si fosse diretta e così le da man forte dicendo che Natsuno per Hime non è uno qualunque e questo riesce comunque a far cambiare idea al Premier che per la prima volta nella sua vita si vede presentare una richiesta formale dalla figlioletta. Dopo un po’ suo padre acconsente e Hime corre subito da Natsuno il quale nel frattempo era ancora spaventato per la sorte di Koko quando viene subito informato da un’infermiera che l’operazione è stata fissata e che ora dovranno prepararsi immediatamente per far sì che tutto vada nel migliore dei modi. Natsuno quindi si ritrova davanti una Hime che con questo gesto ha mostrato grande umanità e un cuore assolutamente puro e aperto. Tutto quindi si risolve nel migliore dei modi. Intanto, passa del tempo e Hime decide di andare a far visita a Koko in ospedale e qui la madre di Natsuno non può non esprimerle ancora tutta la sua gratitudine con la promessa che un giorno la ripagherà, anzi, per il resto della sua vita. Come ci si aspetta da Koko la donna è assolutamente energica e vitale e non perde tempo a scherzare con i due ragazzini sul fatto di stare attenti perché altrimenti la loro vita scolastica sarà interrotta (Koko, a cosa stai alludendo?! XD) rendendo incredibilmente Hime imbarazzata. Tra l’altro proprio questo giorno è il compleanno di Hime, ha finalmente sedici anni e non vede l’ora di festeggiare sola soletta con Natsuno a casa sua … ma se Koko le dice queste cose come può restarsene tranquilla? Una volta rintanati a casa del ragazzino quest’ultimo le fa un dolce dono: un anello, anche se non è uno di quelli veri le confessa che un giorno gliene porterà uno ancora migliore ma per intanto questa è la loro promessa, quella di stare sempre assieme anche in futuro. Hime è felicissima ma quando Natsuno sembra volerle saltare addosso (Natsuno vuoi fare abbassandole una spallina del vestito? XD) Hime diventa super agitata e la bella atmosfera da batticuore viene smorzata tutta ad un tratto dall’arrivo di Eri che si ritrova questi due intenti ad amoreggiare. La loro amica accompagnata anche da altre due ragazze sono venute per fare gli auguri a Hime e invece si ritrovano questa scenetta smielosa, Natsuno si becca in testa il tappo dello spumante e intanto pensa che comunque ora avranno tutto il tempo anche per starsene per conto loro e che ci saranno altre occasioni per “continuare da dove erano rimasti”! 😀 Ed in poco tempo Natsuno, Hime e Eri arrivano alla cerimonia di inizio anno scolastico, ora sono al secondo anno e come sempre girano pettegolezzi su Hime la quale sembra essere stata presa di nuovo di mira ma stavolta non come “la figlia del Primo Ministro” ma “la fidanzata di Natsuno Kirihara”, ahaha, ma almeno le cose sono migliorate perché ora ad affrontare tanti altri guai e problemi non sarà più sola perché ha al fianco uno splendido ragazzo che la ama e che un giorno la sposerà e un’amica forte e determinata sulla quale può sempre far affidamento. Sembra proprio che Hime passerà un altro bell’anno pieno di sorprese e tra il profumo dei ciliegi in fiore Hime sorride, allegra e spensierata, assapora l’inizio di una nuova avventura. 

Eccoci dunque arrivati alla fine di questa mini maratona shoujo in cinque volumi! ^_____^ Vi è piaciuta? Spero almeno un pochino … Che dire a conclusione di questa avventura? Beh, innanzitutto che come si può immaginare una cosa che ho notato è il miglioramento del tratto di Mayu Sakai che già verso la seconda metà del manga inizia ad acquistare più precisione e particolarità diventando in buona parte quello che conosciamo come il suo inconfondibile stile grafico. E ho anche notato che Natsuno stava acquisendo un che di Ran, il protagonista maschile di Rockin Heaven, l’opera successiva a Nagatacho Strawberry e in alcune tavole sembrava un po’ il suo gemello minore. 😄 ehehe … E penso che tutti sappiate quanto io adori Ran di Rockin Heaven e Yuro di Peter Pan Syndrome. *______* Quindi veder comunque il suo tratto caratteristico iniziare già a formarsi mi ha fatto non poco piacere, ed inoltre, io sono una grande fan di Mayu Sakai! ^______^ Quindi mi ha fatto solo un grande piacere poter recuperare un’altra delle sue serie seppur di parecchi annetti fa. *o* Hime mi è piaciuta per la sua spontaneità, non si tira mai indietro e dice quello che pensa, è molto schietta ma sa essere anche una ragazza che va nel pallone e questo lato di lei mi ha fatto molta tenerezza. Natsuno all’inizio era il classico personaggio belloccio, ammirato da tutti con l’impronta dei soldi in cambio di favori e questo suo lato mi ha fatto ridere tante volte soprattutto quando tirava fuori il suo “tariffario” ma poi piano piano quando ho iniziato a conoscerlo meglio non potevo non essere del parere che avrebbe dovuto smetterla di comportarsi in quel modo … e infatti, poi, Hime è riuscito a far breccia nel suo cuore e a fargli cambiare idea tuttavia la costante dei soldi gli rimane un po’ addosso anche verso questo numero nel quale avrebbe voluto lasciare la scuola e lavorare per portare a casa la somma necessaria alle cure di sua madre. Koko è uno di quei personaggi che non ti annoiano mai e mi è piaciuta tantissimo sarà che quel modello di madre divertente ma anche dolce e piena di forza è anche uno dei miei ideali quindi l’ho ammirata molto poi si vede benissimo quanto sia legata a Natsuno e anche se ogni tanto gli tira un calcio amorevole è troppo forte. Sinceramente, se fosse stato possibile avrei voluto che fosse ancora più approfondita perché avrebbe avuto da dire molto, stessa cosa anche per il Premier e per la madre di Hime. Su quest’ultima ho avuto un leggero smarrimento: che senso ha nominarla e tirarla fuori quando poi non è che se ne sia parlato molto? Hime dice che è rimasta ferita da lei ma comunque viene fuori lo stesso il bene che provava per la figlia perché gliela affida a Hiroyama e da ciò scaturisce la sua premura, in un certo senso, è come se il segretario sia divenuto una figura un po’ materna verso Hime, il suo attaccamento è chiaro. Il personaggio che ne esce vincente da questa mini serie non può che non essere Hime, la protagonista, sulla quale tutto ruota attorno e i personaggi secondari hanno comunque un loro spazio salvo poi perdersi un po’ per la storia … Ma essendo una sua delle prime opere mi sembra anche normale aver tralasciato qualcosa per altro. Unico dispiacere forse è stato vedere un po’ di meno le scenette dolci tra Hime e Natsuno soprattutto verso metà ma si riprende bene verso la fine con quella scena leggermente hot che vorrebbe andare avanti ma non può. Getta già le basi per Rockin Heaven, scusate se lo sto continuando a nominare ma rivedo gli errori corretti nella sua opera successiva quindi non posso non fare un confronto ragionevole. Il personaggio invece che ho tenuto d’occhio è stato quello di Eri, la rivale d’amore di Hime che poi diventa la sua migliore amica. La storia extra sulla sua vita alle medie e il suo incontro con Natsuno ha proprio rivoluzionato quello che avevo in mente su di lei, se Hime non fosse mai apparsa nella storia … Eri sarebbe divenuta la compagna ideale ma non reale badate bene per Natsuno che comunque l’avrebbe sempre vista come una buona amica e avrebbe quindi lo stesso vissuto un amore a senso unico. Eri incarna la figura dell’amica che genera un po’ di confusione, che crea scompiglio e scenette divertenti ma anche quella che davanti ai suoi amici che stanno assieme come coppia non può non esserne felice nonostante ami lo stesso ragazzo. Probabilmente Eri non ama realmente Natsuno ma ne è comunque affascinata e lui esercita su di lei una tensione amorosa visto che probabilmente è la sua prima cotta. Molti volevano che Eri finisse per innamorarsi di Hiroyama ma … io non li avrei visti bene. 😄 Non so, mi avrebbe fatto troppo strano. Anche se … avere attorno una pazza come Eri avrebbe certamente movimentato la vita del monotono Hiroyama sempre perfetto in tutto, altro che aver a che fare con Hime che già di per sé gli da problemi! 😀 eheh … Anche se la sua mente è occupata principalmente dal prendersi cura di Tamasaburo, la piccola foca domestica, (Mogetaro come lo chiama Hime! LOL). A proposito di questi due, a fine volume hanno anche un capitoletto tutto incentrato su di loro che un giorno per un incidente si scambiano i corpi. 😄 ahaha. Troppo forte, una cosa assurda … Hiroyama poi è l’unico che viene punito anche se ha subito questa disgrazia. ahaha. Poverooo! E poi per finire Mayu Sakai ci delizia anche con due storie brevi ugualmente speciali: la prima è Io non so fare magie che narra la vicenda di un ragazzo che va al liceo ma che è già diventato un affermato scrittore sotto un nome d’arte, è innamorato da sempre di una ragazza la quale però è fidanzata con un tipo a dir poco antipatico ma che ama i suoi romanzi fantasy senza sapere chi si nasconde dietro quel nome. E la seconda è intitolata Baby Fake Fur nella quale troviamo una ragazza che ha una cotta per un ragazzo e quando si vede la possibilità di poter uscire con lui non se lo fa ripetere due volte anche se dice una bugia … alla fine, i due trascorrono assieme una splendida giornata alla ricerca ideale del regalo del “fratello” di lei … quando la bugia diventa chiara davanti agli occhi del ragazzo … le cose sembrano mettersi male ma l’amore della ragazza è troppo forte e i due potrebbero anche non lasciarsi mai perché non sempre le bugie dividono le coppie ma le possono anche far unire tra tutte le sorprese. ^______^ Quest’ultima one shot, in particolare, l’ho davvero gustata con molta attenzione e con tanto batticuore, è una storia semplicissima ma nasconde dietro una dolcezza infinita e fa quasi pensare che l’amore può anche essere improvviso e inspiegabilmente vero. Mi è piaciuta un sacco! *______*

Bene e con questa ultima scheda vi saluto! Grazie per avermi seguita fin qui e grazie per aver letto anche questa maratona shoujo! ^_____^ Spero che per voi sia stato un altrettanto piacere leggere e vivere questa storia che sa di fragole e di amore! ❤

Ci si vede alla prossima maratona e continuate a venirmi a trovare, mi raccomando! Prometto che mi impegnerò ancora più duramente per rendere queste storie emozionanti anche a parole. ^______^ Se vi va dateci un morso anche voi e ditemi se vi piace il suo gusto! 🙂

A presto! 😉

Informazioni su Juliet

Sono una ragazza di 24 anni che sta crescendo giorno dopo giorno a pane, shoujo e fantasia e che va pazza anche per il kpop. Il mio Blog è il nascondiglio che più preferisco dove poter dare sfogo alle cose che mi piacciono e a tutto ciò che succede nella mia vita. ♥
Questa voce è stata pubblicata in ѕнσυנσ e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...