Kamisama Kiss n°11 – Julietta Suzuki

A causa dei debiti del padre, Nanami Momozono ha perso tutto e si è ritrovata a dover vivere in un vecchio e decrepito tempio shintoista, ospite nientemeno che di una divinità! La condizione per poter restare è farsi carico del suo lavoro …

Essendo giunta la fine dell’anno, Nanami, Tomoe e Mizuki si recano alla consueta visita al tempio e lì accade qualcosa di veramente unico: si apre uno spiraglio sul passato di Tomoe, rivelando importanti dettagli della sua storia …

Fonte: Star Comics

E continuano le avventure di Nanami e dei suoi servitori divini, Tomoe e Mizuki! ^____^

Questa volta i tre si dirigono al Tempio per andare a prendere un amuleto di buon auspicio dal Dio dell’Anno Nuovo e qui prima di arrivarvi, Nanami percorre il torii con scritto il suo nome e si perde tra i ricordi della sua infanzia che credeva di aver dimenticato completamente. Non vedendola più arrivare, Tomoe e Mizuki che ormai avevano percorso le loro rispettive vie, vanno a cercarla, preoccupati che le sia successo qualcosa … e quando la trovano, eccola da bambina! Nanami è tornata ad essere un’adorabile bimbetta che frequenta l’asilo nido e assistiamo al suo triste passato: il padre di Nanami infatti andava sempre a spendere i soldi della famiglia in giro, giocando a pachinko e facendo scommesse, la madre, invece, doveva continuamente scusarsi per il fatto di non poter pagare l’affitto e per il comportamento irresponsabile del marito ma non è tutto! La madre di Nanami era anche molto malata, una cosa importante che Nanami si è sempre portata dentro di sé è il fatto che sua madre le ha sempre ripetuto di non doversi mai fidare degli uomini e di non sposarsi per nessuna ragione raccontandole anche della maledizione che a quanto pare colpisce ogni donna che nasce in famiglia: sono tutte sfortunate in amore seppur nascano molto belle e vivaci! eheh … 😀 E questo mi ricorda qualcosa! XD LOL Comunque, Nanami versione bimba è semplicemente carinissima e pucciosa! *^* Mi ricordo ancora quando seguivo le scans che mi ero innamorata di questo capitolo, lo reputo al momento uno dei miei preferiti, anche perché, Tomoe, le chiede la mano e le dice che le vuole molto bene! Kyaaaah! :3 Seppur, alla fine, Nanami dice di non ricordare cosa sia successo, insomma, quella di Tomoe è stata una dichiarazione d’amore mancata! *3* Ma va bene lo stesso! Il sorriso di Nanami è la cosa più importante sia per lei che per noi lettrici, che dite? 🙂 Mizuki, invece, quando si visto chiamare “pervertito” da Nanami è stato il massimo! Ahaha e alla fine la spunta Tomoe che prende Nanami bambina e se la porta con sé! XD Ma LOL. Certo che Nanami da bambina ne ha passate di ogni, povera stella, sua madre poi muore, suo padre, per la disattenzione, si addormenta lasciando acceso un mozzicone di sigaretta e finisce che si ritrovano la casa in fiamme e senza un posto dove stare! -____-” Crescendo però, Nanami, assomiglia sempre più a sua madre! E’ stato molto carino quando il Dio dell’Anno Nuovo, per ringraziarla delle sue parole di incoraggiamento, le dona una foto di sua madre da giovane che ha estrapolato dai ricordi di Nanami e questo l’ha resa super felice! *^* Era così piccina che non ricordava più il volto di sua madre e non aveva nemmeno una sua fotografia perché a causa dell’incendio gli album di famiglia erano diventati cenere e niente più. 

Comunque, se dapprima Nanami ripeteva che non si sarebbe mai sposata alla fine del capitolo la ragazza lascia aperto un piccolo spiraglio dicendo che “Probabilmente non si sarebbe sposata” ma appunto è solo una probabilità, non è una cosa certa, invece, a inizio capitolo, era rigorosamente contraria e anzi, aveva detto che “Sicuramente non si sarebbe sposata”, due frasi così simili che però delineano bene la differenza del cambiamento nella ragazza ed è merito di Tomoe. ❤ Certo che vederlo imbarazzato è qualcosa di indescrivile, mi mancavano molto queste espressioni di Tomoe.

A tirare però la storia avanti ci pensa anche Akurao che ormai come sappiamo tutti benissimo indossa i panni del giovane Kirihito alla ricerca del suo vero corpo. A quanto pare, riesce a trovarlo nel mondo dei morti dopo aver usato uno specchio magico ma il suo corpo originale è difficile da recuperare … se solo qualcuno di sua conoscenza non lo aiutasse. E qui Kirihito alias Akurao quasi si diverte a pensare a ciò: chiedere il suo aiuto? Proprio a lui? Dovete infatti sapere che Akurao e Tomoe (quando era ancora una volpe selvatica) formavano un duo assolutamente spietato, ovunque andavano facevano razzie e confusione e gettavano ombre e malvagità a destra e a manca, tuttavia, la loro amicizia malsana se così possiamo definirla si vede rischiare di sciogliersi per via di un delicato fiore, Tomoe, infatti, si innamora di una ragazza umana che noi sappiamo essere Yukiji ed esprime il desiderio di poter divenire anche lui un essere umano e lasciar cadere quindi le sue spoglie di demone volpe. Akurao non accetta questa cosa e i due si separano allontanandosi e dimenticandosi ognuno dell’altro. Quindi, ora mi sorge una vera domanda: è arrivato il momento per Akurao di andare da Tomoe? Mhmh, no. No perché da quanto sto seguendo in giro a quanto pare non è ancora il momento ma pare che sia una possibilità ed ho come l’impressione che Kirihito arrivi ad usare Nanami come ricatto per far sì che Tomoe cada nella sua trappola. Chissà, chissà, vedremo, vedremo. ^____^”

Intanto, giunge una strana quanto bizzarra ma anche molto dolce notizia! *^* Himemiko, la Principessa della Palude Tatara innamorata  follemente di Kotaro (vi ricordate la loro storia, vero? Altrimenti andate subito a leggervi il mio riassunto! u___u) decide che lo vuole sposare a tutti i costi e da sola sta anche organizzando ogni cosa: vuole che la cerimonia nuziale avvenga al Santuario di Mikage e che sia proprio Nanami a celebrarla! Non vedo l’oraaaa∼∼ ❤ Anche se Tomoe, come aveva fatto in precedenza, è assolutamente contrario al fatto che un demone si leghi ad un essere umano … proprio tu poi lo dici, eh! Tsk! </3

Per non parlare poi di uno dei più bei momenti tra Nanami e Tomoe! Cioè, di quando, Tomoe, esce di notte per andare nel mondo dei demoni e Nanami, curiosona, lo segue e finisce per andare con lui a comperare il legno da cui ricaveranno gli amuleti che la ragazza regalerà con l’arrivo del nuovo anno a tutti i fedeli del Tempio di Mikage. E insomma, tra una cosa e l’altra … Nanami scoprirà un piccolo segreto di Tomoe: che in realtà il suo servitore divino pensa a lei come un piccolo fiore, un bocciolo, il quale, da un momento all’altro riuscirà a sbocciare e sarà allora il più bello tra tutti. Tomoe sta solo aspettando quel momento … e anche noi, vero? *o* *fall in love* 

E tutto sommato, brevemente, è questo quello che è accaduto in questo undicesimo volumetto di Kamisama Kiss! *_____* Quali altri avvenimenti ci aspettano? Scopriamolo insieme, sempre qui, sul mio Blog! 😉

Informazioni su Juliet

Sono una ragazza di 25 anni che sta crescendo giorno dopo giorno a pane, shoujo e fantasia e che va pazza anche per il kpop. Il mio Blog è il nascondiglio che più preferisco dove poter dare sfogo alle cose che mi piacciono e a tutto ciò che succede nella mia vita. ♥
Questa voce è stata pubblicata in ѕнσυנσ e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...