Riassunto: Miss n°2 – Hinako Ashihara

E’ ESPRESSAMENTE VIETATO COPIARE I RIASSUNTI PRESENTI, O PARTI DI ESSI, SENZA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA SOTTOSCRITTA E SENZA CITARE LA FONTE! PERCHE’ IL LAVORO E LA FATICA DEGLI ALTRI VA’ RICONOSCIUTA! (Non saranno tollerati i trasgressori)

Alle spalle di Kii compare Kyoko che di nuovo emana la sua aura negativa e Kiichiro per confortarla ancora del fatto che ormai Kazu le ha portato via Kenta le raddrizza la schiena, la obbliga a sorridere tirandole le guance e la rassicura dicendo che prima o poi troverà la persona adatta a lei. Shima risponde che avrebbe voluto tanto che fosse lui l’uomo adatto a lei ma Kii troppo concentrato a fotografare una piantina non la sente e la cosa finisce lì.

Rientro delle vacanze.

Kazu e le sue amiche stanno commentando assieme le foto che sono state scattate in occasione della gita a Nagano e Kyoko Shima origliando le loro conversazioni viene a scoprire che Kii talmente è impegnato col lavoro che quasi fatica a trovare del tempo per prepararsi qualcosa da mangiare così tornata a casa decide di cucinargli qualcosa di buono nel bento. Quindi, si reca all’esposizione fotografica e scorge Kii che sta conversando con un suo collega di lavoro dicendogli che tra breve si trasferirà all’estero per 2 o 3 anni e Kyoko quando sente queste sue parole si fa avanti svelta prendendosela con lui perché forse era meglio se non si comportava tanto da gentiluomo se poi doveva andarsene via e gli scaglia contro il bento che rovinosamente casca a terra rovesciandosi. Nel correre via Shima si scontra con un signore e finisce sul pavimento ma non si alza, anzi, rimane lì e si mette a piangere mentre attorno la gente curiosa assiste alla scena. Rialza lo sguardo e vede davanti a sé una foto grande di Kazu mentre sorride quando erano a Nagano. A questo punto arrivano Kenta, Kazu e Yamazaki venuti in visita alla mostra e riconoscono Shima all’istante. Lei se la prende con Kazu incolpandola di portarle via tutto quello a cui lei tiene molto. Kenta le si avvicina e l’abbraccia. Il ragazzo infatti capisce benissimo come si senta Shima perché i suoi genitori hanno divorziato e nessuno di loro si voleva occupare della loro figlia, appunto, Kyoko Shima. Kazu vedendo poi l’espressione malinconica di Kenta, dopo che se ne sono andati, lo abbraccia da dietro la schiena e più tardi fanno di nuovo l’amore. Kazu non è molto brava ad esprimere i suoi sentimenti con le parole per cui preferisce trasmetterli con il suo corpo ma a quel tempo lei era ancora una bambina, per certi versi, e non poteva minimamente immaginare quello che sarebbe accaduto di lì a poco.

Casa Anzai.

Sua madre le raccomanda di non tornare a casa tardi e Kazu sorridendo glielo promette. Poi sale sul motorino di Kenta, venuto a prenderla e partono diretti a scuola. Kenta ne approfitta per chiederle se ha fatto i compiti di inglese per quel giorno ma chissà come mai Kazu nega. Ultimamente ha la testa altrove e non riesce a concetrarsi bene perché ha scoperto che è … incinta. Quasi dallo stupore improvviso Kenta sbanda e i due cadono dal motorino. Kazu lo rimprovera di non farla abortire sul posto! XD e gli confessa, appunto, che è da un po’ di giorni che il suo ciclo non arriva e non ha mai pensato che fare l’amore con qualcuno vuol dire restare incinte, solamente, non credeva che sarebbe accaduto persino a lei. Quando ha comprato il test di gravidanza in farmacia e ha visto il risultato positivo è scoppiata a piangere e con un sorriso quasi forzato gli dice chissà come la prenderò sua madre quando scoprirà il suo piccolo segreto.  Kenta riferisce ciò a suo fratello maggiore, Kei Kirishima, anch’egli medico come il padre, chiedendogli dei soldi per l’aborto ma lui quasi incredulo di una sua simile decisione gli domanda come sta Kazu, il ragazzo risponde che è sempre la stessa di sempre ma entrambi sanno che si sta sforzando per rimanere lei stessa nonostante questo imprevisto.

Scuola. Bagni delle ragazze.

Un gruppo di ragazze stanno discutendo: una di loro ha visto Kazu comprare un test di gravidanza in farmacia, Yamazaki se la prende molto dicendo di smetterla con queste stupide scemenze alle spalle della sua amica ma come le viene suggerito si reca da Kazu per avere una sua risposta in merito. Kazu conferma tutto quanto e Yamazaki le fa tener presente che è pur sempre il figlio del ragazzo che ama quel che cresce e vive nel suo grembo. Kazu lo sa benissimo questo ma è impaurita e non sa bene che cosa fare. E poi … “Come possono due bambini crescere un altro bambino?” queste sono le parole che ha rivolto Kenta a Kei, suo fratello maggiore.

Kazu è sdraiata. All’improvviso sente un rumore e si ritrova in piedi, in camicia da notte. Un bambino piccolo, di qualche mese, l’ha tirata per un lembo della veste bianca lunga. Kazu allunga la mano come a volerlo sfiorare ma non fa in tempo a toccarlo che quello svanisce e si ritrova con la camicia da notte sporchissima di sangue, comprese anche le mani, e immersa in una pozza rossa scura.

Kazu si risveglia agitatissima. Ha avuto un incubo. Quando esce di casa e ripensa a tutto questo casino ha l’impressione che ormai la sua vita sia cambiata, non può più tornare indietro, nemmeno se abortisse perché ne sarebbe segnata per il resto dei suoi giorni. Kazu salta la scuola e Kenta è teso e agitato mentre il professore fa l’appello e Kazu risulta assente. Per strada Kazu incontra Natsuki, ormai prossima al parto, con un bel pancione grosso e con un sacco di sacchetti con la roba che ha comprato per il bimbo anche se non sa se sarà maschio o femmina. Natsuki  non lo vuole sapere, si vuole fare una sorpresa. Kazu vedendola così entusiasta per l’imminente lieve evento scoppia a piangere. Proprio non ce la fa a uccidere il piccolino che porta nel suo grembo, come potrebbe fare una cosa così orribile? Si tratta pur sempre di una vita umana! All’improvviso a Natsuki le si rompono le acque e ha le prime contrazioni. Portata d’urgenza in ospedale il bambino nasce mentre Kei come un fulmine corre da lei tutto trafelato rimproverandola di non essere rimasta a casa invece di uscire in piena estate a fare compere. Kazu un attimo dopo chiama Kenta dal telefono dell’ospedale dicendogli che vuole tenere il suo bambino e senza dare altre spiegazioni riaggancia la cornetta mentre lui chiama invano il suo nome (da precisare che era ancora a scuola! XD).

Kenta a sua volta mentre dorme rivede se stesso da bambino piangere come una fontana mentre il padre lo ricopre di insulti pesanti.

Mattina. Scuola.

Yamazaki convince Kazu ad andare a farsi visitare da una ginecologa per assicurarsi che sia realmente incinta anche se il risultato del test è positivo. Chiede quindi a Kenta di accompagnarla e lui seppur spaventato accetta. Quando è il turno di Kazu si fa fare la visita e la dottoressa conferma il suo stato di gravidanza. Certo, sarà difficile gestire un bambino piccolo ma con Kenta a suo fianco potrebbero farcela insieme … Kenta però non sopportando la tensione è scappato via un attimo dopo che Kazu è entrata in sala. Proprio quando credeva di potersi fidare di lui! Non l’ha nemmeno aspettata! E dire che aveva promesso che l’avrebbe protetta! Allorché la povera Kazu non può far altro che rincorrerlo e una volta raggiunto lo sgrida per averla lasciata sola dicendogli di assumersi le sue responsabilità e di comportarsi da uomo! Come se fosse facile … anche Kenta è ancora solo un ragazzino … Così Kazu ritorna mesta mesta a casa ma davanti alla sua abitazione vede un uomo. E’ il padre di Kenta, è venuto a sapere da Kei che Kazu aspetta un bambino e si è presentato a casa Anzai per discuterne. La madre di Kazu per la sorpresa improvvisa fa cadere a terra un piatto e le da un ceffone dicendole che si fidava di lei. Suo padre, invece, è sconvolto, si sente umiliato perché non c’era bisogno che venisse il padre di Kenta a dargli un sacco di soldi per l’aborto perché se lei glielo avesse detto glieli avrebbe dati di sua tasca. Kazu tornata in camera sua sente male al seno, alla pancia e si ricorda delle parole della ginecologa, cioè di non stressarsi troppo e di stare calma e traquilla altrimenti rischierebbe un aborto spontaneo e Kazu non vuole assolutamente ciò. A tal proposito decide di prendere una boccata d’aria e va al parco, dove incontra Shima, anche lei è al corrente della situazione e le spiega che non è giusto mettere al mondo figli indesiderati perché saranno infelici e sua madre quando Shima era piccola le continuava a dire “Se non fossi mai nata!”  facendola sentire abbandonata e sola al mondo (Secondo me è la cosa più brutta che una madre possa dire alla propria figlia! U___U). Kazu replica che il suo non è stato un errore, lei vuole ardentemente e con tutte le sue forze questo bambino e mentre ancora piange passa a Shima un biglietto con l’indirizzo nuovo dove si è trasferito Kii per poterle dare una seconda possibilità di aggiustare la sua vita come meglio crede. Poi accusa dei dolori da tutto il corpo e cade al suolo, stremata.

Ospedale.

Shima rimprovera Kenta di non aver protetto abbastanza Kazu dato che adesso rischia un aborto spontaneo. Kenta vede arrivare suo padre che dice ad alta voce “Almeno abbiamo risparmiato per l’aborto” nel sentire questa farse si incazza e lo colpisce con un pugno dandogli la colpa di come lui sia e del suo comportamento aggressivo. (tanto per dire, si dice che un bambino maltrattato dai genitori diventerà a sua volta un adulto maltrattante, nella maggior parte dei casi ma questo non vuol dire che sono tutti così … –> secondo gli studi psicologici che ho fatto a scuola! ;-)). Accorrono Natsuki col piccolo bebè appresso e Kei che blocca il fratello. Kenta allora dopo aver sbattuto un pugno al muro scappa via. Kei lo raggiunge e gli spiega che la colpa non è di loro padre se lui adesso è violento ma del loro nonno che pensava che si può avere un figlio bravo solo se si usano maniere forti e così è cresciuto loro padre che a sua volta si sta comportando come il nonno per cui Kei si augura che questo tormento finisca con la loro generazione perché adesso Kenta ha qualcosa che deve proteggere con la sua stessa vita.  Aggiunge poi che Kenta deve crescere in fretta, può anche fare un passo alla volta ma forse non sarebbe abbastanza e rischierebbe di arrivare in ritardo. Shima gli comunica che il dottore è uscito dalla stanza di Kazu e ora Kenta, sollevato, va subito dalla sua ragazza. Kazu si risveglia e viene a sapere che il bambino è fuori pericolo (fortunatamente! ^___^) e che Kenta da adesso in poi si prenderà cura di loro due. Commossa Kazu e Kenta si abbracciano forte.

Qualche tempo dopo.

Le cose non sono poi così tanto cambiate. I suoi genitori non l’hanno ancora del tutto perdonata per averli nascosto una cosa così importante ma paiono desiderosi di sistemare la faccenda con Kenta e Kazu va da lui per invitarlo a venire da lei visto i suoi genitori gli devono fare il famoso “discorsetto” (XD ahah … Kenta, buona fortuna! Metticela tutta!). Kazu, mentre vede sotto i suoi occhi Kenta che si spoglia per mettersi una maglietta più pulita rimane imbarazzata dalla sua schiena nuda, e preferisce andare ad aspettarlo giù di sotto, in salotto. Il padre di Kenta è lì che legge il giornale e le fa tener presente che sua moglie è scappata via da lui perché picchiava loro figlio e probabilmente pensa che lei faccia la stessa cosa ma Kazu determinata lo convince che sarà sempre al fianco di Kenta e non lo lascerà mai (la forza dell’amore! *^*). Natsuki e Kei fanno l’imbocca al lupo a Kenta anche se lui ha paura che il padre di Kazu lo possa picchiare! XD E mentre camminano fianco a fianco percorrendo la strada di casa Anzai Kazu gli mostra una foto che ha ricevuto da Shima. A quanto pare è riuscita a scovare Kii e non vuole farselo assolutamente scappare più! (almeno anche Kyoko ha avuto il suo lieto fine!).

Kazu si ripromette che vuole diventare sia forte che dolce, fragile ma solida e piena di umanità, di superare i propri errori … I Miss You … insieme al suo prezioso amore.

L’ultima scena vede un comodino con alle spalle una tenda che ondeggia lievemente. Sopra il ripiano ci sono 3 foto. Nella prima si vede il neonato di Kazu e Kenta, la seconda, con Kazu che tiene in braccio il piccolino, ai suoi fianchi Natsuki con il suo figlioletto e dall’altra parte sua madre. Dietro ci sono Keiichi, il fratello maggiore di Kenta, che gli da una gomitata di approvazione e il padre di Kazu che ormai non può far altro che lasciare la sua adorata figlia nelle mani del ragazzo che ama.

L’ultima riguarda Kenta perché se Kazu non l’avesse mai incontrato non avrebbe mai vissuto tutto questo e trovato la sua felicità.

 – FINE

Informazioni su Juliet

Sono una ragazza di 25 anni che sta crescendo giorno dopo giorno a pane, shoujo e fantasia e che va pazza anche per il kpop. Il mio Blog è il nascondiglio che più preferisco dove poter dare sfogo alle cose che mi piacciono e a tutto ciò che succede nella mia vita. ♥
Questa voce è stata pubblicata in ѕнσυנσ e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Riassunto: Miss n°2 – Hinako Ashihara

  1. Milk Of Cow ha detto:

    I riassunti di Miiiiss, grazie Juliettina! *^*

    • Juliet ha detto:

      Prego Milk! ^____________^
      Mi ci sono messa a scriverli bene e così adesso posso mettere anche gli altri! 😉
      Miss è davvero bello … tutte le volte che leggo i riassunti rivedo davanti ai miei occhi le scene con i personaggi … TUTTO! E’ stupendissimo, uno dei manga più belli che abbia mai letto! Ancora adesso quando mi capita di averlo sotto mano lo rileggo volentierissimamente! *___*
      E poi … la prima parte della storia è incentrata molto sulle difficoltà tra Kazu e Kenta, tra i loro passati tristi e quello che avviene nel presente mentre il secondo li mette a dura prova per vedere se saranno capaci di stare insieme anche in futuro con tutto quel che succede … Bello bello!
      Spero che ti piacciano quando li leggerai! 🙂

  2. Milk Of Cow ha detto:

    Che brava Juliettina! *^*
    Veramente? E’ davvero così bello? Sono sempre più curiosaaa! *_______*
    A sentirne parlare così bene da te credo proprio che mi piacerà! ^_____^ Ovviamente quando li leggerò, scriverò quei bei “commentini” che ti piacciono tanto, ci puoi scommettere! ; D

    • Juliet ha detto:

      Sisì! Te lo giuro, Milk! ^___^ a me è piaciuto davvero molto! Certo i disegni non sono proprio il massimo ma sono fatti lo stesso bene perchè quello è il tratto della mangaka per cui non è che può inventarsi qualcosa che non sa fare! E pensa che non credevo che il secondo manga avrebbe preso questa strada … come dire, mi ha davvero stupito! *___*
      Spero che sia di tuo gradimento!
      Certo, quando riesci, fai pure con comodo, leggerò i tuoi bei commentini! 🙂 (che sono sempre tutti benvoluti in ogni ora del giorno! hihihi … )

  3. Pingback: #Day 2: La mangaka che mi hanno consigliato | ✿gιυggιℓℓα✿

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...